Rifiuti, il Comune di Catanzaro pensa ai droni contro i furbetti del sacchetto

L'assessore all'Ambiente Arcuri si rivolge al governatore della Calabria: "Serve la stessa fermezza messa in campo per la lotta agli incendi"
rifiuti catanzaro

“Chiederemo alla Regione Calabria di mettere in atto la logica della tolleranza zero anche per quel che concerne la lotta al conferimento abusivo dei rifiuti”. Questo l’annuncio che l’assessore all’Ambiente del Comune di Catanzaro Giorgio Arcuri rivolge direttamente al presidente della Giunta regionale. 

Accogliendo con favore le politiche messe in campo dalla squadra targata Roberto Occhiuto sul fronte del contrasto agli incendi che ogni anno distruggono ettari di vegetazione, Arcuri sostiene che “analoga azione e attenzione può essere rivolta all’ambiente. Occorre sanzionare severamente anche i ‘furbetti del sacchetto’ e, per fare questo – sottolinea l’assessore – dobbiamo mettere i Comuni in condizioni di poter acquistare telecamere di ultima generazione ottimo deterrente nei confronti di chi inquina o abbandona comunque in maniera abusiva i propri rifiuti”.

Accogliendo con favore le politiche messe in campo dalla squadra targata Roberto Occhiuto sul fronte del contrasto agli incendi che ogni anno distruggono ettari di vegetazione, Arcuri sostiene che “analoga azione e attenzione può essere rivolta all’ambiente. Occorre sanzionare severamente anche i ‘furbetti del sacchetto’ e, per fare questo – sottolinea l’assessore – dobbiamo mettere i Comuni in condizioni di poter acquistare telecamere di ultima generazione ottimo deterrente nei confronti di chi inquina o abbandona comunque in maniera abusiva i propri rifiuti”.

L’utilizzo dei droni

Per Arcuri, “non occorrono necessariamente altre leggi, ma potrebbe essere sufficiente anche l’estensione dell’utilizzo dei droni già acquistati e di quelli che arriveranno per potenziare la vigilanza antincendio”. Battere il ferro finché è caldo è dunque la logica che anima Giorgio Arcuri nel gettare la pietra nello stagno della sostenibilità ambientale anche in virtù della variazione di bilancio da 2,5 milioni di euro recentemente approvata dal Consiglio regionale proprio allo scopo di acquistare nuovi droni e nuovi mezzi.

Riprendendo e rilanciando quanto rimarcato dall’assessore regionale alla Forestazione, Gianluca Gallo, dunque, l’assessore all’Ambiente dei Tre colli gioca d’anticipo e prova a rilanciare mettendo sul piatto la carta della tolleranza zero in tema di conferimento abusivo dei rifiuti. Sullo sfondo la convinzione granitica  che “la boccata d’ossigeno offerta pure alla Calabria dal Pnrr debba essere sfruttata a pieni polmoni anche per liberare paesi e città dalla morsa di un’inciviltà che – fa sapere Arcuri – se da un lato non fa decollare le percentuale di raccolta differenziata dall’altra intrappola luoghi bellissimi  in un degrado nauseabondo causato dai rifiuti gettati da incivili senza scrupoli che – questo l’assist lanciato al governatore Occhiuto – non possono più continuare a farla franca”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved