Calabria7

Riforma Giustizia, Camera penale di Catanzaro: ” Segnali positivi, ma portata irrilevante”

Valerio Murgano

“Se la giustizia nel nostro Paese non versasse in una condizione patologica determinata dall’abuso del
processo penale, dall’utilizzo sproporzionato delle misure cautelari, dallo strapotere e dalla prevaricazione della pubblica accusa nell’utilizzo dei media – da cui consegue la condanna sociale e anzitempo del malcapitato di turno -, nonché dallo sbilanciamento degli equilibri istituzionali all’interno dei consigli giudiziari, caratterizzati dall’egemonia della magistratura requirente su quella giudicante, con effetti perversi sulle carriere di quest’ultimi, probabilmente il giudizio complessivo sulla riforma sarebbe diverso. Nel contesto delineato, la portata della riforma è irrilevante”. Il presidente delle Camera penale di Catanzaro e coordinatore delle Camere penali calabresi Valerio Murgano, a proposito dell’accordo sulla riforma della giustizia, dichiara all’AdnKronos che “Si è persa l’ennesima occasione per dare ai cittadini una risposta ai problemi reali che affliggono il processo penale – osserva Murgano -, primo tra tutti l’abolizione del processo ‘senza tempo’ introdotto da Bonafede.

Le norme introdotte non avranno alcun impatto nella realtà

A mio avviso le novità introdotte, pur portatrici di valori culturali oramai da troppo tempo sopiti – tipici del garantismo liberale – non avranno alcun impatto nella realtà. L’improcedibilità nei gradi d’impugnazione   – aggiunge – non garantisce né il diritto dell’imputato a essere giudicato in un tempo ragionevole né, tantomeno, incide sull’ingolfamento della macchina giudiziaria. Il problema è ancora una volta culturale e strutturale. Le riforme a costo zero non hanno mai sortito grandi effetti. Come ho avuto già modo di dire qualche mese fa in occasione delle audizioni della Commissione Nazionale Antimafia a Vibo Valentia, occorre investire, prima ancora che sull’apparato giudiziario e sulle sue strutture, su famiglia, scuola e lavoro. L’accordo è sicuramente un piccolo segnale positivo. Il ministro Cartabia ha messo al centro del dibattito- conclude il presidente della Camera penale di Catanzaro- temi e parole oramai sconosciuti al lessico comune, quali garantismo, libertà e dignità dei cittadini. Senza troppi giri di parole, un ordinamento giudiziario che vede pm e giudici con la stessa ‘divisa’, rappresenta una ferita aperta per la nostra democrazia. Il punto è proprio questo: fin quando non vi sarà una riforma costituzionale sulla separazione delle carriere, le regole rappresenteranno solo la facciata di una struttura fatiscente”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

L’Italia si sveglia tra nuovi divieti: scuola, attività motoria e negozi chiusi

Mirko

Elezioni regionali, Forza Italia: “Il Cts mette in quarantena la democrazia”

bruno mirante

Manifestazione pro Gratteri, Universo Minori presente

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content