Calabria7

Rimosso un tumore cerebrale a un bambino di 12 anni, il piccolo è rimasto sveglio

tumore cervello

Straordinario intervento chirurgico al Policlinico di Bari. Un bambino di 12 anni, infatti, si è visto asportare un tumore cerebrale, dalle dimensioni di una pallina da ping pong, restando sveglio e collaborativo. A eseguire l’operazione l’equipe del professore Francesco Signorelli, direttore dell’unità operativa di Neurochirurgia universitaria, tramite la tecnica della chirurgia cerebrale con paziente sveglio, la cosiddetta “awake surgery”. È in uso da molti anni e permette il monitoraggio di funzioni cerebrali, come il linguaggio, che non sarebbero valutabili con il paziente in anestesia generale. Come spiegato in un comunicato stampa, l’intervento, durato circa cinque ore, è riuscito: asportato completamente il tumore e il paziente non ha riportato alcun deficit.

La massa tumorale era localizzata nelle aree cerebrali che controllano la produzione e comprensione del linguaggio. La proposta di effettuare l’intervento da sveglio con anestesia locale è stata prima discussa dall’équipe multidisciplinare di Neuro-Oncologia Pediatrica, coordinata dalla dottoressa Teresa Perillo, con il ragazzo e la sua famiglia. Il paziente, durante l’intervento, ha risposto con precisione alle domande della neuropsicologa mentre i neurochirurghi operavano.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Coronavirus in Italia, 13.318 nuovi casi e altri 628 morti

Giovanni Bevacqua

Scossa di terremoto di magnitudo 3.8 a Milano e sui social è panico

Mimmo Famularo

Il maltempo flagella la Lombardia: smottamenti e trombe d’aria, svolti 130 interventi di soccorso

Antonio Battaglia
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content