Calabria7

Rinascita Scott, accolta la richiesta della Dda: tre filoni in un unico processo

Tre tronconi, un solo dibattimento. Così ha deciso il Tribunale collegiale di Vibo Valentia all’epilogo di un’altra udienza del maxi processo “Rinascita Scott”. Il presidente Brigida Cavasino e i giudici a latere Gilda Romano e Claudia Caputo hanno quindi accolto l’istanza presentata dalla Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro anche oggi rappresentata nell’aula bunker della zona industriale di Lamezia Terme dal procuratore Nicola Gratteri e dai sostituti procuratori Antonio De Bernardo e Annamaria Frustaci.

Un solo processo con il rito ordinario

Al troncone con rito ordinario con oltre 300 imputati vengono quindi uniti altri due procedimenti paralleli: quello con giudizio immediato al quale erano stati ammessi l’imprenditore vibonese Mario Lo Riggio, l’ex sindaco di Nicotera Salvatore Rizzo, l’ex parlamentare Giancarlo Pittelli e l’avvocato Giulio Calabretta e quello in cui risultano imputati Francesco Cracolici, Giuseppe Camillò e Franco Barba. Stralciata la posizione di altri nove imputati finiti in isolamento sanitario per Covid e di altri sei per difetto di notifica. Le loro posizioni verranno discusse nell’udienza fissata per il 9 febbraio.

LEGGI ANCHE | Rinascita Scott, il verbale del pentito e il disegno degli avvocati per allungare il maxi processo

LEGGI ANCHE | Rinascita Scott, il pentito Cannatà svela il sistema delle assunzioni nei supermercati di Vibo

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Condannati per estorsione, tre ordini di carcerazione nel Crotonese

Mimmo Famularo

Arrestato l’uomo che ha dato fuoco all’ex moglie a Reggio

Carmen Mirarchi

Mezzo da cantiere in fiamme in galleria nel Catanzarese

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content