Rinascita Scott, altra patata bollente nel maxi processo: un giudice vorrebbe astenersi

Gilda Romano ha presentato al presidente del Tribunale di Vibo una richiesta di astensione. E' il giudice a latere ma anche il magistrato estensore della sentenza del processo "Nemea"

Non c’è pace per i giudici del maxi processo “Rinascita Scott”. Ancor prima dell’attesa decisione della Corte d’Appello chiamata da una serie di avvocati della difesa a esprimersi sulle istanze di ricusazione presentate nei confronti di due terzi del collegio giudicante, Gilda Romano ha anticipato tutti annunciando nell’ultima udienza, tenutasi nell’aula bunker di Lamezia Terme, di aver presentato al presidente del Tribunale di Vibo Valenta una richiesta di astensione. Si tratta del giudice estensore della sentenza emessa lo scorso mese di ottobre nell’ambito del processo “Nemea” al quale era stato unificato il filone di “Rinascita Scott” che coinvolgeva il clan Soriano di Filandari.

Dall’invito all’astensione alla richiesta di ricusazione

Dall’invito all’astensione alla richiesta di ricusazione

Nelle motivazioni del verdetto, che ha portato a sette condanne e otto assoluzioni e che è stato depositato in cancelleria lo scorso 5 marzo, vengono espressi diversi giudizi nei confronti di alcuni imputati di Rinascita Scott e, tra questi, il boss di Limbadi Luigi Mancuso, ritenuto a capo del Crimine della Provincia di Vibo, ma anche colui che gli inquirenti indicano come il capo della Locale di Zungri, Giuseppe Accorinti. La questione era stata sollevata in aula dall’avvocato Diego Brancia invitando all’astensione il giudice a latere Gilda Romano ma anche il presidente del Tribunale collegiale di Vibo Gilda Cavasino, tra le toghe che hanno firmato la sentenza “Nemea”. Entrambe sono al centro dell’istanza di ricusazione ufficialmente presentata dagli avvocati Piero Chiodo e Nunzio Raimondi per conto di Francesco Stilo, il legale imputato in Rinascita Scott con l’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa. Anche lui lamenta l’anticipazione del giudizio espressa tra le oltre trecento pagine che costituiscono le motivazioni del processo di primo grado contro il clan Soriano di Filandari.

Doppia spada di Damocle

La parola passa adesso al presidente del Tribunale di Vibo Valentia che già lo scorso mese di gennaio aveva rigettato un’analoga richiesta di astensione formulata dai giudici Cavasino e Romano in attesa della nuova decisione della Corte d’Appello di Catanzaro sulla richieste di ricusazione. Una spada di Damocle che pende sul futuro del maxi processo che all’inizio della fase dibattimentale ha già perso per strada Tiziana Macrì, il giudice indicato a presiedere il Collegio ma che la Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro ha ricusato. (mi.fa.)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved