Rinascita Scott, i giudici di Vibo: “Il carabiniere Ventura spregiudicato. Ma non c’è concorso esterno”

Il collegio di Vibo spiega la condanna a 5 anni e 6 mesi per il militare accusato di favoreggiamento aggravato dalle modalita mafiose

“Manca una ricostruzione organica e sistematica di una messa a disposizione del carabiniere nei confronti delle consorterie criminali, necessaria per integrare il concorso esterno. Le dichiarazioni dei collaboratori di giustizia rese sul suo conto ancorché credibili, si rivelano generiche”. I giudici del Tribunale di Vibo nel motivare la sentenza di condanna a 5 anni e 6 mesi nei confronti del militare Antonio Ventura, nell’ambio del processo Rinascita Scott, spiegano che il materiale probatorio emerso e gli episodi di rivelazione di segreto d’ufficio aggravati dall’agevolazione mafiosa, non integrano gli estremi del concorso esterno in associazione mafiosa, trattandosi di singoli fatti di favoreggiamento continuato aggravato dalla finalità di agevolazione dell’associazione mafiosa del clan dei Piscopisani.

Il comportamento spregiudicato

Il comportamento spregiudicato

E al riguardo il Tribunale collegiale, presieduto da Brigida Cavasino precisa la distinzione netta tra concorso esterno e favoreggiamento: nel primo il concorrente interagisce organicamente e sistematicamente con gli associati, mentre nel secondo aiuta in maniera episodica gli associati ad eludere le investigazioni della polizia o a sottrarsi alle ricerche. Per i giudici: “L’aiuto fornito da Ventura ai sodali non può qualificarsi come sistematico, le cointeressenze che il carabiniere aveva in relazione all’agenzia di investigazioni privata della moglie, nella quale collaborava, e al sostegno che entrambi fornivano ad alcuni professionisti e ad appartenenti del Rotary Act e della massoneria, se certamente sono indice di un comportamento spregiudicato tenuto da un appartenente arma, non può qualificarsi anche come elemento rivelatore di un concorso esterno. 

Il pentito Arena: “Il carabiniere passava notizie alle cosche”

Secondo il collaboratore di giustizia Bartolomeo Arena, Ventura avrebbe passato notizie alle cosce, “si dimostrava disponibile e diceva che c’erano indagini su diversi soggetti senza specificare l’inchiesta precisa. Erano comunque notizie inerenti la faida tra i Piscopisani e i Patania di Stefanaconi”, ribadendo di aver parlato più volte con Ventura ma solo in due occasioni in modo riservato, faccia a faccia. “Quando Ventura ha avuto problemi non abbiamo più saputo nulla”. Ma perché il militare che è stato in servizio anche al Nucleo investigativo di Vibo avrebbe dovuto vestire i panni dell’infedele e fare la spia per conto dei clan? “Ventura – chiarisce il collaboratore – non veniva pagato. Lo faceva per amicizia. Se la vedeva con i periti anche in virtù del suo status di carabiniere. Loro fingevano dei falsi incidenti, poi Ventura se la vedeva con i periti per la liquidazione e nessuno contestava nulla”.  Ma per i giudici si tratta di dichiarazioni generiche, episodiche, che non integrano il reato di concorso esterno

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
Il gup nelle motivazioni della sentenza: "era a conoscenza dei rapporti tra 'ndrangheta e servizi segreti"
I genitori hanno scoperto casualmente un anno fa della malattia del figlio, dopo una serie di accertamenti
"Il mio ginecologo mi ricorda che devo controllare una cisti ovarica. Da lì parte uno tsunami. Risonanza, ricovero, operazione. Ciao ovaie"
Prende il posto di Bruno Trocini. Da giocatore ha indossato la maglia amaranto tra il 1988 e il 1990 ai tempi di Nevio Scala
I tempi? Appena la vice presidente Princi sarà proclamata in Europarlamento. Il governatore conferma: "Ho intenzione di alleggerirmi di alcune competenze"
Accolto l'appello della difesa. Nessuna pericolosità sociale: "non esistono elementi da cui desumere l'appartenenza alla 'ndrangheta"
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved