Calabria7

Rinascita-Scott, informazioni al clan in cambio di un posto di lavoro: 42enne lascia i domiciliari

Rinascita-Scott

Revocati gli arresti domiciliari per Francesca Collotta, 42enne di Polia, difesa dall’avvocato Francesco Sabatino, coinvolta nell’inchiesta Rinascita-Scott. In particolare, nei suoi confronti, il Tribunale collegiale di Vibo ha disposto l’obbligo di dimora nel comune di residenza. Due anni fa, il Riesame l’aveva scarcerata, optando per i domiciliari. La donna, moglie di un carabiniere, è accusata di aver girato informazioni al clan Mancuso di Limbadi in cambio di un posto di lavoro.

© Riproduzione riservata.
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content