Rinascita Scott, nuovo blitz dei carabinieri a Vibo: ecco chi è stato arrestato (NOMI)

Tra le persone finite in carcere anche Gregorio Giofrè, ritenuto dagli inquirenti il "ministro dei lavori pubblici" della 'ndrangheta vibonese

di Mimmo Famularo – Il rumore degli elicotteri, il frastuono delle sirene e il tintinnio delle manette. Vibo Valentia si è risvegliata con un altro blitz dei carabinieri che ha animato l’alba di una settimana. Il provvedimento restrittivo emesso dal gip del Tribunale di Catanzaro ed eseguito su richiesta dalla Direzione distrettuale antimafia guidata da Nicola Gratteri richiama Rinascita Scott e, in particolare, il processo celebrato con rito abbreviato e conclusosi lo scorso novembre con 70 condanne. Alcuni di questi imputati erano tornati in libertà dopo i verdetti emessi dal Tribunale del Riesame e dalla Corte di Cassazione per insussistenza delle esigenze cautelari. La sentenza emessa dal gup Claudio Paris, le cui motivazioni sono state depositate proprio la scorsa settimana, ha rimesso tutto in discussione e, per gli inquirenti, a seguito delle condanne, vi è il pericolo di fuga e il rischio di reiterazione del reato. Da questa nuova valutazione scaturisce la richiesta della Procura antimafia di Catanzaro accolta dal gip e sfociata nel blitz messo a segno all’alba di oggi dai carabinieri del Ros e del Nucleo investigativo di Vibo.

I nomi degli arrestati

I nomi degli arrestati

In carcere sono finiti coloro che erano stati condannati per associazione mafiosa o per altre fattispecie di reato aggravate dal metodo mafioso. Tra questi spicca il nome di Gregorio Giofrè, 59 anni di San Gregorio d’Ippona, condannato a 13 anni e 4 mesi in primo grado. Il collaboratore di giustizia Andrea Mantella lo definisce il “ministro dei lavori pubblici” della ‘ndrangheta vibonese (LEGGI QUI). Era stato catturato dai carabinieri dopo un periodo di latitanza ma la Cassazione lo aveva rimesso in libertà.

Oltre a Giofrè, la misura riguarda anche Serafino Alessandria, alias Pitta, 27 anni di Zungri, condannato in primo grado a 14 anni e 8 mesi di reclusione; Michele Manco, 34 anni di Vibo, condannato a 12 anni di reclusione in primo grado; Vincenzo Mantella, 36 anni di Vibo Valentia, anche lui condannato a 12 anni; Salvatore Morgese, 59 anni di Vibo, condannato a 10 anni e 4 mesi in primo grado; Filippo Orecchio, 27 anni di Vibo Valentia, condannato a 13 anni e 4 mesi in primo grado; Antonio Patania, 33 anni di Sant’Onofrio, condannato a 12 anni di reclusione in primo grado; Andrea Prestanicola, 36 anni di Ionadi, condannato a 12 anni e 4 mesi in primo grado; Giuseppe Scriva, 62 anni di Vibo Valentia, condannato a 12 anni di reclusione in primo grado; Nicolino Pantaleone Mazzeo, 52 anni di Filandari, condannato a 14 anni di reclusione in primo grado. Va ai domiciliari Saverio Sacchinelli, 40 anni di Pizzoni, condannato a 20 anni di reclusione in primo grado. Sono difesi dagli avvocati Tiziana Barillaro, Giuseppe Bagnato, Diego Brancia, Santo Cortese, Sergio Rotundo, Francesco Calabrese, Walter Franzè, Giovambattista Puteri, Francesco Sabatino, Daniela Garisto e Francesca Sorrentino.

LEGGI ANCHE | Rinascita Scott, nuovo blitz dei carabinieri tra Calabria, Lombardia e Lazio: 11 arresti

LEGGI ANCHE | Rinascita Scott, arresto bis per il Ministro della ‘ndrangheta vibonese. L’identikit di Giofrè

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
"Difendiamo il prodotto italiano" è lo slogan della mobilitazione degli agricoltori
Tra i rifiuti bruciati c'era anche della plastica, i cui fumi inalati rischiano di provocare un avvelenamento da sostanze chimiche tossiche e danni alla trachea, alle vie respiratorie e ai polmoni
È il modello che viene utilizzato per il versamento di tributi, contributi e premi e permette, nella stessa operazione, anche la compensazione di eventuali crediti
In genere avviene dopo 10 anni, ma ci sono anche casi in cui interviene prima: in quali casi succede
Da gennaio 2024 sono stati confermati 5 cinque casi nella stessa regione
L'Intervista
Lo scenario prefigurato dal docente Unical che estende il problema a tutto il Paese: "Lo Stato rischia di fallire"
l'inviato
In 200 vivono nel totale degrado in uno degli angoli più nascosti della tanto osannata Perla del Tirreno. Mezzo secolo di promesse e mancate risposte
Si tratta di due migranti di circa 30 anni, accusati di reati contro il patrimonio e la persona
Ceraso: “Oggi la mia gente ha dimostrato di non avere paura, sono orgoglioso di essere il loro sindaco”
Per ricostruire la dinamica dell'incidente sono intervenuti i carabinieri e gli ispettori dell'azienda sanitaria locale
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved