Rinascita Scott, processo stralcio al boss di Zungri: la Dda di Catanzaro chiede 30 anni di carcere

La richiesta è arrivata al termine della requisitoria del procedimento penale che vede come unico imputato Giuseppe Accorinti
accorinti rinascita

Trenta anni di reclusione. E’ la condanna invocata dalla Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro nei confronti di Giuseppe Accorinti, detto “Peppone”, 64 anni, ritenuto il boss di Zungri e uno degli esponenti principali dell’intera ‘ndrangheta vibonese. La richiesta è arrivata al termine della requisitoria nel processo-stralcio di “Rinascita Scott” che vede Accorinti (collegato in videoconferenza dal carcere dove si trova recluso) unico imputato nel procedimento che si sta svolgendo dinnanzi al Tribunale collegiale di Vibo Valentia presieduto dal giudice Gianfranco Grillone.

La requisitoria della Dda di Catanzaro

In aula erano presenti i pm antimafia Antonio De Bernardo e Andrea Buzzelli che si sono alternati parlando complessivamente per circa otto ore e illustrando ai giudici il profilo associativo dell’imputato, accusato di essere il promotore dell’omonimo clan di Zungri con tentacoli estesi su altri centri del Vibonese: da Rombiolo, cuore dell’altopiano del Poro a scendere fino a Cessaniti e Pannaconi. Oltre all’associazione mafiosa, Accorinti deve rispondere anche di narcotraffico, estorsione, detenzione illegale di armi, danneggiamento ed altri reati minori. Nella scala gerarchica della ‘ndrangheta vibonese è considerato per potenza e pericolosità secondo solo al boss di Limbadi Luigi Mancuso, anche lui giudicato separatamente rispetto al filone principale di Rinascita Scott che si è chiuso in primo grado lunedì scorso con oltre 200 condanne (LEGGI QUI). Mancuso è imputato in Petrolmafie e nei suoi confronti la Dda di Catanzaro ha chiesto 30 anni di reclusione (LEGGI QUI).

Corsa contro il tempo per evitare la scadenza dei termini

Il Tribunale collegiale di Vibo Valentia punta a chiudere il processo nei confronti di Giuseppe Accorinti entro il prossimo 3 dicembre, data di scadenza dei termini di custodia cautelare. Dopo la requisitoria iniziata dal pm Annamaria Frustaci e conclusa dai colleghi Antonio De Bernardo e Andrea Buzzelli, la parola passerà adesso al difensore del boss di Zungri, l’avvocato Luca Cianferoni. Accorinti è tuttavia imputato in un altro filone di Rinascita Scott, quello relativo agli omicidi che si sta definendo davanti alla Corte d’Assise di Catanzaro. Nei suoi confronti l’accusa ha chiesto l’ergastolo per il duplice omicidio di Roberto Soriano di Filandari (lupara bianca) e Giuseppe Lo Giudice di Piscopio, avvenuto nell’agosto del 1996.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
È stata parzialmente distrutta la chiesetta della Vergine, ma fortunatamente al momento del fatto non c'era nessuno nel locale
Il tribunale ha accolto il ricorso degli avvocati della società, presentato dopo la chiusura dell'attività su decisione del Questore
Il sindaco Antonio Landro denuncia l'accaduto e condanna l'episodio di violenza a nome dell'amministrazione comunale
Tutti bocciati e selezioni da rifare. Per uno stipendio da 19mila euro l'anno si sono presentati in 30, ma nessuno ha superato la prova scritta
Il cane, appartenente alla sua famiglia, ha morso la piccola alla testa, alle braccia e ai glutei. Le sono stati applicati oltre 30 punti di sutura
Unico evento pubblico di Carnevale a Catanzaro, era inizialmente previsto per l'11 febbraio ma è stato rinviato a causa del cattivo tempo
La delegazione dei manifestanti ha portato al Vaticano la mucca Ercolina e un trattore da dare in dono al Pontefice
I vigili del fuoco sono al lavoro ininterrottamente. Annunziato lo sciopero nazionale di due ore indetto da Cgil e Uil per le morti sul lavoro
I malviventi hanno messo fuori uso le telecamere per rubare il patrimonio pubblico, provocando un danno di 80 mila euro
L'azzurro ha battuto in finale Alex De Minaur. Sarà il primo italiano a spingersi così in alto da quando esiste il ranking computerizzato nel tennis maschile
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved