Rinascita Scott, slitta l’escussione di Spatuzza. Gratteri: “Si cerca di perdere tempo”

Nicola Gratteri

È stata rinviata al 22 febbraio prossimo l’escussione del collaboratore di giustizia Gaspare Spatuzza, l’ex boss di Brancaccio, nel processo Rinascita Scott in corso nell’aula bunker di Lamezia Terme. Il rinvio, come riporta l’Ansa, si è reso necessario per il protrarsi della testimonianza di un altro collaboratore di giustizia, Giuseppe Comito, andata avanti dalle 12.30 alle 18.30.

E proprio la lunghezza della sua deposizione (tre ore per il controesame) e il ritardato inizio dovuto alla presentazione di alcune eccezioni da parte delle difesa, è stata sottolineata dal procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri e dal pm della Dda in udienza Annamaria Frustaci. “Si sta cercando di diluire il processo – ha detto Gratteri intervenendo in aula – di perdere tempo. Noto sempre le stesse eccezioni poste sempre dalle stesse parti”.  La pm, invece, è intervenuta sull’utilità di alcune domande fatte nel controesame “meramente reiterative, senza alcun approfondimento”. Lo stesso presidente del collegio, Brigida Cavasino ha invitato uno dei difensori a non reiterare sempre le stesse domande. In precedenza Comito, collaboratore di giustizia dal luglio 2019, reo confesso dell’omicidio di Francesco Scrugli nel 2011, ha riferito dei rapporti tra l’ex assessore regionale al Turismo Francescantonio Stillitani e suo fratello Emanuele (imputati nel processo “Imponimento” per concorso esterno in associazione mafiosa), proprietari dei villaggi turistici Garden Club e Garden Resort a Pizzo, e le cosche vibonesi.  Il collaboratore, in particolare, ha riferito che nei villaggi, pur non avendo alcun ruolo, a dettare legge era Nino Accorinti, legato al boss Pantaleone Mancuso.

E proprio la lunghezza della sua deposizione (tre ore per il controesame) e il ritardato inizio dovuto alla presentazione di alcune eccezioni da parte delle difesa, è stata sottolineata dal procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri e dal pm della Dda in udienza Annamaria Frustaci. “Si sta cercando di diluire il processo – ha detto Gratteri intervenendo in aula – di perdere tempo. Noto sempre le stesse eccezioni poste sempre dalle stesse parti”.  La pm, invece, è intervenuta sull’utilità di alcune domande fatte nel controesame “meramente reiterative, senza alcun approfondimento”. Lo stesso presidente del collegio, Brigida Cavasino ha invitato uno dei difensori a non reiterare sempre le stesse domande. In precedenza Comito, collaboratore di giustizia dal luglio 2019, reo confesso dell’omicidio di Francesco Scrugli nel 2011, ha riferito dei rapporti tra l’ex assessore regionale al Turismo Francescantonio Stillitani e suo fratello Emanuele (imputati nel processo “Imponimento” per concorso esterno in associazione mafiosa), proprietari dei villaggi turistici Garden Club e Garden Resort a Pizzo, e le cosche vibonesi.  Il collaboratore, in particolare, ha riferito che nei villaggi, pur non avendo alcun ruolo, a dettare legge era Nino Accorinti, legato al boss Pantaleone Mancuso.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Si giocherà stasera il primo turno dei playoff. Gara secca e senza ulteriori appelli. Alle Aquile basta un pari per la semifinale
Migliaia di persone in piazza con l'obiettivo è di bloccare il progetto fortemente sponsorizzato dalla Lega e dal governo di centrodestra
Mamma di una bambina, racconta di essere stata licenziata nel 2022 per "riduzione del personale". Il tribunale le ha dato ragione, ma i soldi non sono ancora arrivati
I consiglieri comunali d Giuseppe Dell'Aquila e Antonio Pace chiedono al sindaco Sergio Ferrari di precisare aspetti fondamentali
Il sindaco Pellegrino: "Un atto gravissimo che colpisce un professionista e un amministratore integerrimo"
Inutili i soccorsi dell’equipe sanitaria, intervenuta con l'elisoccorso. Sulla vicenda indagano i carabinieri. Il cane è stato sequestrato
"Non ha trovato la forza né il coraggio di spiegare che produrrà un divario enorme tra Nord e Sud, a livello economico, di servizi e diritti"
Presente anche una folta delegazione di abitanti di Punta Faro in Sicilia e Cannitello a Villa San Giovanni, le aree che saranno espropriate
Progetto “Squadra Mobile”. Operazione di contrasto al fenomeno dell’illecito stoccaggio e smaltimento di rifiuti
l'inviato
L’ex sito industriale sepolto dalle erbacce e a rischio igienico- sanitario. Promessi mega progetti per rilanciare l’area diventata simbolo della decadenza del territorio
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved