Calabria7

Operazione Rinascita Scott, Luigi Incarnato di nuovo libero

operazione rinascita scott

La decisione di riesame sul segretario calabrese del Psi, Luigi Incarnato, accusato di corruzione elettorale nell’operazione rinascita scott, è stata resa effettiva

Il Tribunale della Libertà di Catanzaro ha annullato l’ordinanza di custodia cautelare revocando gli arresti domiciliari nei confronti del segretario calabrese del Psi e commissario della società di gestione degli acquedotti Sorical, Luigi Incarnato, arrestato nel maxi blitz della Dda di Catanzaro “Rinascita Scott”. Incarnato è accusato di corruzione elettorale. Secondo l’accusa, in occasione delle elezioni politiche del 2018, in cui era candidato nella lista del Pd, Incarnato avrebbe offerto la propria collaborazione in cambio di voti a Pietro Giamborino, ex consigliere regionale del Pd ritenuto legato a cosche del vibonese, e Pino Cuomo. Il legale di Incarnato, Franz Caruso, ha espresso la sua soddisfazione per la decisione del Tribunale del riesame. “Come abbiamo sempre detto – ha affermato – abbiamo fiducia nella magistratura giudicante che ha fatto giustizia di una misura particolarmente afflittiva e, a nostro avviso, abnorme e particolarmente ingiusta”.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Beccato a rubare cavalli in un’azienda agricola, arrestato 29enne a Lamezia

Mirko

Expo donne di Milano, tra i protagonisti una stilista calabrese

Matteo Brancati

Kyterion II, tre assoluzioni in Appello

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content