Calabria7

Rinnovo tirocinanti enti pubblici e privati, un buco nell’acqua (SERVIZIO TV)

di Carmen Mirarchi

Si è conclusa con un ” buco nell’acqua ” la richiesta di intervento del Prefetto per il rinnovo dei contratti di 4500 tirocinanti, ex percettori della mobilità in deroga.

Oggi dalle 10 la manifestazione in piazza Prefettura dei tirocinanti enti pubblici e privati. Quello che chiedevano era il rinnovo del contratto per un anno.  I tirocinanti hanno spiegato di guadagnare circa 500 euro al mese, ” un nero legalizzato” ci hanno raccontato.

Il loro tirocinio iniziò nel 2012 nei comuni,  nelle scuole e negli enti privati. Adesso chiedono la proroga ma non ci sono fondi secondo la Regione. Sono 4500 in tutta la Calabria i lavoratori interessati, sono lavoratori del bacino degli ex percettori della mobilità in deroga  e per il rinnovo servono 23 milioni di euro ma l’assessore regionale Robbe  ha indicato che non ci sono le disponibilità economiche. Con la manifestazione di questa mattina i tirocinanti chiedevano l’intervento del Prefetto , che a quanto pare non avrebbe ancora dato la sua disponibilità ad occuparsi del caso.

“Abbiano voglia di lavorare e non vogliamo finire in mezzo ad una strada. Siamo amareggiati e delusi ” ci hanno detto .

I tirocinanti spiegano di aver parlato in realtà con il vice Prefetto cheha voluto tutta la documentazione per le opportune verifiche.

Ci dicono però che tutta la procedura sembrerebbe uno “scarica barile “. In un post sui social spiegano di avere comunque fiducia in un esito positivo e che sperano nel sostegno del Prefetto e della Regione.

 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Europee, circolo “Almirante” analizza dato: “Nostro exploit è solo punto di partenza”

Matteo Brancati

Calcio, Serie C: Catanzaro sfida il Trapani per blindare il terzo posto

Matteo Brancati

Oltre 400 fuochi pirotecnici in un magazzino, una denuncia nel Reggino (VIDEO)

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content