Calabria7

RISULTATI ELEZIONI | Sei donne elette in consiglio: è record

tragedia della fiumarella-alt

Per la prima volta nella storia in Calabria saranno sei le donne a sedere tra i banchi del Consiglio regionale nella prossima legislatura. È quanto emerge dall’analisi dei dati elettorali del ministero dell’Interno sul voto  di domenica e di lunedì. La presenza di sei donne, cinque delle quali esponenti della coalizione vincente di centrodestra, è un dato record, sul quale – secondo molti analisti politici – ha sicuramente influito anche la nuova norma sulla doppia preferenza di genere approvata dal Consiglio regionale lo scorso novembre, qualche settimana dopo la scomparsa della governatrice Jole Santelli, prima presidente donna nella storia della Regione Calabria.

Le elette

In Consiglio regionale approdano, dunque, la candidata del centrosinistra alla presidenza, Amalia Bruni, e poi Katya Gentile, eletta con Forza Italia nella circoscrizione Nord (8.091 preferenze, la più votata in rosa), Pasqualina Straface, ex sindaco di Corigliano (Cosenza), eletta con Forza Italia nella circoscrizione Nord (6.520 preferenze), Simona Loizzo, eletta con la Lega nella circoscrizione Nord (5.360 preferenze), Luciana De Francesco, eletta con Fratelli d’Italia sempre nella circoscrizione Nord (4.564 preferenze) e infine Valeria Fedele, direttore generale della Provincia di Catanzaro, eletta con Forza Italia nella circoscrizione Centro (7.962 preferenze).

Tra le new entry al femminile ci sono due esponenti di alcune “dinastie” della politica calabrese: Katya Gentile è la figlia di Pino, il “veterano” del Consiglio regionale, mentre De Francesco è moglie dell’ex consigliere regionale Luca Morrone. Non ce l’hanno fatta a confermarsi la capogruppo della Lega nella passata legislatura, Tilde Minasi, e Flora Sculco, la volta scorsa eletta in una lista-satellite del PD (DP), questa volta candidata con l’Udc nella circoscrizione Centro.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

“Basso Profilo”, Marinaro e Paonessa negano le accuse davanti al gip

Gabriella Passariello

“Attacco ad Amendola, perché reagisce solo un consigliere comunale?”

manfredi

Comitato Stop 5G, protesta a Catanzaro: “Tecnologia pericolosa per la salute”

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content