Calabria7

Ritrovamento archeologico a Catanzaro: Italia Nostra scrive al sindaco

“Ci rivolgiamo a lei, che è la massima autorità di Catanzaro, quale associazione che statutariamente opera per concorrere alla tutela e alla valorizzazione del patrimonio storico italiano, promuovendo azioni per la conservazione e la valorizzazione dei beni culturali, stimolando l’applicazione delle leggi di tutela e promuovendo l’intervento dei poteri pubblici allo scopo di evitare le manomissioni del patrimonio storico, artistico ed ambientale del Paese”.  Una lettera aperta è stata indirizzata al sindaco Sergio Abramo dalla sezione di Catanzaro, Italia Nostra, sul ritrovamento archeologico durante i lavori di scavo per la realizzazione della metropolitana nel quartiere Santa Maria.

“Abbiamo  letto di un nuovo ritrovamento archeologico durante i lavori di scavo per la realizzazione della metropolitana nel quartiere di Santa Maria,notizia confermata dall’assessore comunale alla Cultura Ivan Cardamone. La scoperta – si legge nella lettera –  è considerata di grande rilevanza per riscrivere, probabilmente, la storia dell’intera Calabria e, nello specifico, quella di Catanzaro e del vasto territorio ricadente nel suo istmo, fin’ora considerato privo di interesse rispetto ad altre scoperte archeologiche in altri territori calabresi. Gli archeologi, a Catanzaro, si sono imbattuti verosimilmente in un insediamento ellenistico risalente al IV-V secolo a.C. che va ad aggiungersi ai ritrovamenti in località Santa Maria di Zarapoti, Dulcino e nell’area di Germaneto,dove è stata costruita la cittadella Regionale, e dove, i lavori di scavo preliminare alla costruzione, condotti dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici della Calabria, hanno messo in luce una realtà archeologica articolata e suggestiva fatta di strutture, piani d’uso e materiali che coprono un ampio arco cronologico che dal neolitico finale giunge all’età imperiale romana, con il ritrovamento di numerosissimi reperti di epoca preistorica, greca e romana, dei quali non sappiamo più nulla. La loro valorizzazione e la continuazione sistematica delle ricerche permetterebbe la rilettura della storia di Catanzaro e delle sue origini come ad un grosso insediamento nell’area del Corace e in quella contigua della Fiumarella di colonie greche significative quanto Skylletion e Crotone”.

“Della scoperta – continua – leggiamo analisi contraddittorie con terminologie chiaramente errate (Villa Magnogreca) e considerazioni entusiaste come scoperta di grande rilevanza. Scoperte che non sembrano esaurirsi con questa riportata dalla stampa, ma che, come detto, si aggiungono a siti di interesse archeologico dell’intera area di Santa Maria, della Fortuna, della Valle del Corace  e che denoterebbero un contesto ricchissimo di presenza umana rappresentando insediamenti dall’epoca preistorica all’epoca bizantina abbracciando un contesto millenario. In particolare questo sito divulgato sulla stampa si tratterebbe di un insediamento ellenistico risalente al IV secolo a.C. in linea d’aria vicinissimo ai ritrovamenti di Santa Maria di Zarapoti con le presenze accertate romane e bizantine per i quali nessuna amministrazione ha mai inteso intraprendere una campagna di scavi organica. L’indagine su questi siti, la loro valorizzazione e la continuazione delle ricerche iniziate permetterebbero la rilettura della storia di Catanzaro e delle sue origini e confermare o no la presenza di consistenti attività umane tra l’area di Santa Maria, e quindi la Fiumarella, e l’area del Corace o addirittura la presenza di colonie greche di Locri o di Crotone (Palepoli, Crotalla?). Si tratta dunque di considerare questa scoperta nella giusta dimensione di rilevanza eccezionale per Catanzaro e tutti noi abbiamo il dovere di valorizzarla e sostenerla continuando gli scavi e proteggendo adeguatamente i ritrovamenti fin qui venuti alla luce. Fin qui però dobbiamo rilevare l’assenza di ogni voce ufficiale della Soprintendenza e dei funzionari preposti alla esecuzione e sorveglianza dei lavori.”

“Nei mesi scorsi abbiamo con forza sostenuto che la sede della Soprintendenza di nuova istituzione dovesse essere Catanzaro e non, ingiustamente, Crotone. Scelta contro la quale il Comune di Catanzaro ha giustamente fatto ricorso. In attesa della sentenza di merito prevista per novembre dobbiamo tenere alta l’attenzione, fare sentire la voce di Catanzaro perché l’assenza della Soprintendenza ha contribuito alle ferite che la città ha subito nel corso degli anni. Responsabilità di molti ma anche di una assenza di vigilanza se il nostro patrimonio urbano, storico, archivistico, archeologico, è stato cancellato, distrutto, ignorato, sottovalutato, per disinteresse, superficialità, assenza di tutela del passato e della sua memoria. Catanzaro deve avere il risarcimento dovuto alle cancellazioni subite”.

“Riteniamo – conclude la lettera – che sia urgente e opportuno che la Soprintendenza, cui attiene la direzione scientifica e la sorveglianza dei lavori della nuova metropolitana, comunichi a lei ed alla cittadinanza lo stato delle scoperte, la loro valenza storica-archeologica e le scelte che saranno fatte in merito alla continuazione dei lavori ed alla protezione dell’attuale sito, le chiediamo di farsi promotore di un incontro urgente con la direzione dei lavori della metropolitana, con la responsabile della sorveglianza degli scavi Giovanna Verbicaro, con l’assessore alla cultura del comune Ivan Cardamone e con tutte le associazioni che operano per la difesa della memoria e della storia della nostra città”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

“Oscurateci Tutti”, l’unica opposizione ad Abramo la fa ormai un coraggioso gruppo Fb

Danilo Colacino

“A microfono aperto…” estate, lunedì ospite Franco Maccari (Fsp) per parlare di Sicurezza

Danilo Colacino

Belpanno e Ciciarello (FI): “Necessaria variazione piano mobilità a Catanzaro”

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content