Ritrovata brocca con mille monete d’oro romane, gli scopritori ricevono 1 milione di euro come premio

Il "Tesoro di Como" è stato scoperto durante i lavori di ristrutturazione di un teatro e risale all'epoca compresa tra il IV e il V secolo d.C.

Un “premio di rinvenimento” fino alla metà del valore dei reperti archeologici ritrovati: è quanto il Consiglio di Stato ha riconosciuto alla Società Archeologica Comense che, nel 2018, durante alcuni scavi portò alla luce il “Tesoro di Como”, circa mille monete d’oro romane custodite in una brocca in pietra ollare e risalenti all’epoca compresa tra il IV e il V secolo d.C. La scoperta fu fatta nell’ambito di lavori di ristrutturazione nell’area dell’ex teatro Cressoni per ricavare immobili di destinazione residenziale.

Con una sentenza depositata ieri, la sesta sezione di Palazzo Spada ha accolto il ricorso della società proprietaria dell’immobile, ribaltando il verdetto emesso in primo grado dal Tar della Lombardia nel 2022. In particolare, la Sovrintendenza aveva fissato il premio di rinvenimento in quasi 370mila euro, importo corrispondente al 9,25% del valore di stima e su tale somma era stata applicata una ritenuta alla fonte pari al 25% del valore del premio (circa 92mila euro).

I giudici amministrativi di secondo grado, accogliendo il ricorso della societa’ – che chiedeva di essere riconosciuta quale “scopritore”, con il conseguente diritto a un premio pari fino alla meta’ del valore e non fino a un quarto – hanno evidenziato nella loro sentenza che, nel caso in esame, “attività private in area di interesse archeologico son state oggetto della prescrizione di predisporre il controllo di un operatore archeologico”.

Quindi “riconosciuto che le attività di scavo erano svolte direttamente dalla proprietaria, seppur attraverso la materiale esecuzione da parte di soggetti e macchinari incaricati – si legge nella sentenza – il conseguente ritrovamento non puo’ che imputarsi direttamente alla stessa societa’, titolare del bene e delle attività in essere”. Il ricorso è stato accolto anche nel punto relativo alla ritenuta alla fonte, dichiarata “inapplicabile” dai giudici di Palazzo Spada.

Come riporta sul suo sito la stessa Società, le strutture, dove è stato rinvenuto il tesoro di Como, sorgevano sopra i resti di due complessi di edifici di età romana. L’area era prossima al Foro della città, e probabilmente erano grossi edifici adibiti ad uso pubblico. Le monete erano prevalentemente solidi degli imperatori di Occidente Onorio e Arcadio, quelle più recenti (472-473 d.C., data probabile di occultamento del tesoro) risalgono all’Impero di Anicio Olibrio e Leone I. (AGI)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Antonio Decaro ha partecipato ad un incontro in Calabria con il senatore Nicola Irto, l'arcivescovo Giovanni Checchinnato e il sindaco Caruso
In programma numerosi appuntamenti durante due giorni, con maschere, sfilate e divertimento per i grandi e i piccoli
L'anno scorso le denunce di infortunio con esito letale sono state 1.041 in tutto il Paese, 49 in meno rispetto al 2022
L’iniziativa sarà aperta al pubblico e avrà lo scopo di valorizzare gli investimenti dell’amministrazione regionale nel settore turistico
Al convegno Fidapa ne discuteranno primari ospedalieri, ostetriche, docenti e avvocati all’istituto tecnico Malafarina di Soverato
La salma e la documentazione sanitaria sono state sequestrate per gli accertamenti. La verifiche medicolegali dovranno determinare le cause del decesso
Sul luogo carabinieri, polizia e polizia locale. Nessuna ipotesi è esclusa al momento, compresa quella di un gesto volontario
Il sindaco Giuseppe Falcomatà ha omaggiato la centenaria reggina con una targa di auguri e un omaggio floreale
Durante i controlli della Polizia di Stato nel Catanzarese gli agenti hanno trovato cocaina, hashish e due bilancini di precisione
La città ha rinsaldato il proprio legame con l'indimenticato maestro e cittadino onorario
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved