Roma celebra Fazzini, mentre Cosenza lascia in deposito le sculture del MAB

Diverse sculture del Museo all'Aperto Bilotti sono ancora in deposito e il sindaco sta cercando di procurare le basi al Trittico di Severini

I cosentini sono invitati venerdì 24 marzo dalle 17 alle 19,30 al Museo Bilotti all’Aranciera di Villa Borghese, Roma alla grande mostra su Pericle Fazzini uno dei massimi artisti del’900 presente nelle collezioni dei più importanti musei internazionali dal Guggenheim di New York alla GNAM di Roma, al Centro Pompidou di Parigi, al MOMA e il Metropolitan di New York, alla Tate di Londra, e in diverse collezioni giapponesi, come quella del Setagaya Art Museum e il Momat di Tokio. Cosenza vanta una delle sculture più emblematiche di Fazzini, la “Sibilla”, concepita nel 1947 e fusa nel 1956. Leggendaria figura di longevità millenaria della mitologia greca e romana, corrisponde a una vergine dotata di virtù profetiche ispirata dal dio Apollo. La scultura ne rappresenta l’immagine in una forma lieve e raccolta su stessa, con le gambe incrociate e le braccia contrastate nella riflessione e nel pensiero. Ascritta al periodo neocubista di cui mantiene la sintesi formale del cubismo e introducendo un nuovo codice di rappresentatività castica in un rigore compatto ed espressivo. 

Il Museo all’Aperto Bilotti

Il Museo all’Aperto Bilotti

L’opera è stata donata ai cosentini dal mecenate Roberto Bilotti ed inserita nel MAB Museo all’Aperto Bilotti, un grande progetto di riqualificazione urbana, un chilometro pedonale sul quale sono dislocate 40 sculture monumentali tra i massimi artisti del ‘900 italiano donate tutte dalla famiglia Bilotti.  Divenuto ambiente interattivo tra cittadini, arte, architettura-edilizia e un’opportunità di coesione sociale sviluppato con determinazione dal sindaco Mario Occhiuto, che lo ha esteso a tutto il Corso Mazzini riqualificato, oggi Presidente dell’Intergruppo Parlamentare qualità di vita nelle città. L’inserimento dell’arte nella quotidianità ha migliorato la qualità della vita nel centro di Cosenza e l’ha resa protagonista per un’offerta artistica che non ha eguali in altri centri urbani. Il progetto dei Musei all’Aperto più importanti in Italia sarà presentato all’Expo di Osaka 2025. Fazzini, marchigiano di origine, autodidatta, s’interessa alla scultura di Medardo Rosso e Rodin. Aderisce alla Scuola Romana sviluppando un linguaggio personale e poetico e nel secondo dopoguerra, sviluppa nuove soluzioni artistiche che si diffondono in Italia e in Europa, come il Neocubismo. Negli anni del dibattito acceso tra figurazione e astrazione, alcuni artisti si interrogavano sulle possibilità di rinnovare il linguaggio dell’arte, esplorando la sintesi formale del Cubismo, ma mantenendo allo stesso tempo un legame con la realtà.

Cosenza lascia in deposito le statue del MAB

Diverse sculture del MAB sono oggi ancora in deposito e il sindaco Franz Caruso con l’assessora Pina Incarnato e i dirigenti Annarita Callari e Giuseppe Bruno stanno cercando di procurare le basi all’importantissimo Trittico cubo-futurista di Severini e alle sculture di Balla e Sironi che ancora non si riescono a collocare. Sergio Mazzuca con la Ditta Scintille ha sponsorizzato la base per l’Arlecchino di Severini al teatro Rendano il giorno di Capodanno. Le opere scelte per il MAB hanno anche funzione rievocativa del periodo di eccellenza del nostro territorio, quello magno greco. Tornano i grandi episodi del mito che ha popolato i racconti della Grecia classica. Il gruppo di “Ettore e Andromaca” e gli “Archeologi” di de Chirico, il “colonnato” e i “Bronzi di Riace” di Sosno, la “Cariatide” di Sironi, il “Toro”, la “Niobe” e la “Leda e il cigno” di Raphael, la “Chimera” di Gonzales, che evocano e restituiscono a Cosenza al presente un passato glorioso insieme alle altre avanguardia dal Cubismo di Severini al Futurismo di Balla, dalla Metafisica di De Chirico al Surrealismo di Dalì, il monumentalismo epico di Manzù, Greco e Martini.  Tra queste la Sibilla di Fazzini di cui un altra versione è al Museo Solomon Guggenheim di New York lascito di Hannelore B. Schulhof nel 2012. 

Le opere di Fazzini

Oltre a Cosenza e al Guggenheim le opere di Fazzini sono presenti nei più importanti musei internazionali, dalla GNAM di Roma, al Centro Pompidou di Parigi, al MOMA e il Metropolitan di New York, la Tate di Londra, nonché in diverse collezioni giapponesi, come quella del Setagaya Art Museum e il Momat di Tokio. Il capolavoro di Fazzini è la Resurrezione, che si trova nella sala delle udienze, in Vaticano. E’ stata realizzata nel corso degli anni 70, commissionata da Papa Paolo VI in chiusura del Concilio Vaticano II ed è stata definita l’opera più vista al mondo, poiché si tratta di uno schermo scultoreo monumentale in bronzo e ottone, presente alle spalle del Pontefice durante le sue udienze pubbliche. Rappresenta il vero e proprio testamento artistico di Fazzini all’umanità e riassume le sue aspirazioni spirituali nella figura di un Cristo di 4 metri, che si eleva dal cratere creato dall’esplosione di una bomba atomica, ricordo doloroso delle recenti tragedie di Hiroshima e Nagasaki. Fazzini dirà dell’opera: Ho realizzato la Resurrezione che viveva già dentro di me”. A Roma nel Museo Bilotti sarà presentato tutto il lavoro di Pericle Fazzini(1913-1987) “lo scultore del vento” come definito da Giuseppe Ungaretti.cUna selezione di circa100 opere tra sculture, disegni, grafiche e bozzetti tra i quali quelli della “Resurrezione” della sala Pier Luigi Nervi in Vaticano, ultimo cantiere di un artista unico dopo la Cappella Sistina di Michelangelo. Visitare la mostra vuol dire conoscere meglio questo artista di cui un’opera è entrata nel nostro tessuto urbano, parte della nuova identità culturale e artistica di Cosenza ed acquisire consapevolezza dei tesori che ha la nostra Città. Altro primato di Cosenza: gli unici musei capitolini che portano nomi di privati sono proprio due cosentini: Barracco, con l’antico palazzo in Piazza Toscano alle spalle della Cattedrale, poi trasferiti a Crotone con il “Museo della Scultura Antica Giovanni Barracco” nei pressi di Piazza Navona e “Carlo Bilotti” di Arte Contemporanea a Villa Borghese.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Il giovane di 22 anni, di Bologna, ridotto in fin di vita l'11 agosto del 2022 nella città pitagorica dove si trovava in vacanza
"Sarà per tutti l’occasione per rivivere storie e le leggende legate ad uno dei luoghi più attrattivi della città"
Giusy Orlando, prima dell’arrivo nel Capoluogo per partecipare all’udienza aveva auspicato la presenza di un rappresentante del Comune
Chiamati a raccolta in città i catanzaresi che non potranno seguire la loro squadra del cuore in trasferta
La donna aveva trascinato l'ex coniuge in tribunale perché non pagava gli alimenti . Ottenuti i danni morali
A renderlo noto è il sottosegretario all’Interno Wanda Ferro. Per altre importanti chiese si stanno valutando altre fonti di finanziamento
"La partita di sabato prossimo sarà un’altra occasione per confermare il meraviglioso percorso realizzato da Vivarini, Iemmello e compagni"
Tre gli incontri sul territorio per il deputato già vice Ministro dell’Interno che sarà in provincia di Cosenza il prossimo giovedì 23 Maggio
I carabinieri hanno trovato in un fondo agricolo di proprietà dell'uomo 37 cani, 5 dei quali sprovvisti di iscrizione all'anagrafe canina
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved