Rotonda abusiva realizzata nel Parco del Pollino, tre persone denunciate

I lavori erano stati realizzati senza autorizazzione, invadendo, seppur in piccola parte, alcuni terreni privati senza i dovuti espropri

I carabinieri del Nucleo Parco di Morano Calabro, nel corso di servizi di controlli dell’area protetta calabro-lucana, hanno scoperto una rotonda realizzata senza autorizzazioni e denunciato tre persone: il progettista e direttore dei lavori, il responsabile comunale del procedimento e la ditta esecutrice per l’esecuzione dei lavori sul suolo ricadente nel Parco Nazionale del Pollino.

In particolare i militari di Morano Calabro insieme a quelli del Nucleo di Cerchiara di Calabria hanno accertato che in Contrada Barbalonga/Salinari in località Campotenese, a Morano Calabro, era stata realizzata una rotonda con muretti di cemento e con annessa realizzazione di una cunetta e alcuni cordoli. L’area, per una superficie di 950 metri quadri era stata completamente asfaltata.

Lavori senza autorizzazione

Dai rilievi e dagli accertamenti fatti dai militari è emerso che i lavori erano stati realizzati in assenza di idoneo titolo autorizzativo, ed in particolare in assenza di autorizzazione paesaggistica in area vincolata. Inoltre sarebbe stato necessario il nulla osta del Parco Nazionale del Pollino, essendo l’area ricadente nel perimetro dell’area protetta, così come previsto dalle misure di salvaguardia. Dalle verifiche effettuate, infine, è emerso che i lavori già completati erano tati realizzati invadendo, seppur in piccola parte, alcuni terreni privati senza i dovuti espropri. (ANSA)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Il destinatario della misura è stato condannato per associazione di tipo mafioso nell’ambito dell'inchiesta “Infinito”
Due pazienti continueranno a vivere grazie alla donazione e, quindi, al trapianto di due organi salvavita, senza i quali gli stessi avevano poche speranze
Dalle carte emerge il ruolo di uno dei due vibonesi arrestati: "cerniera" tra il gruppo degli 'esfiltratori' della cocaina e quello dei doganieri corrotti
Nel garage di casa rinvenuti 2 chili di sostanze stupefacenti tra marijuana, hashish e cocaina, tutte etichettate con il finto logo di un marchio di moda
Il gip di Reggio Calabria dispone tre arresti: due vibonesi vanno in carcere e una donna di Gioia Tauro finisce ai domiciliari
l'inviato
Negli ultimi 30 anni su questa arteria di comunicazione sono morti decine di giovani e si sono verificati oltre 2mila incidenti
Sottoposto a verifica ed accertamento mediante etilometro, al conducente è stato rilevato un tasso alcolemico superiore a 1 gr/l
La casa di riposo sarebbe anche stata priva degli adeguati requisiti organizzativi e, persino, di quelli igienico sanitari
"L’avviso per il finanziamento a biblioteche e archivi storici pubblici e il riconoscimento di Taurianova Capitale del Libro 2025 due importanti tappe per questa Regione"
Le imprese giovanili fanno registrare un saldo anagrafico positivo di 420 unità, in recupero rispetto ai livelli pre-pandemici anche le imprese artigiane
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved