Calabria7

Rsa Caloveto, Mazza: “Sprecati oltre 1 milione in 5 anni, all’Asp incapaci”

Il mancato funzionamento della RSA di Caloveto dovrebbe costare all’Azienda Sanitaria Provinciale (ASP) di Cosenza qualcosa come 250 mila di euro all’anno, in meno, di introiti per il canone di locazione. Se la matematica non è un’opinione in 5 anni dovrebbero essere oltre un milione di euro. Una cifra importante alla quale però l’Asp, con tutti i debiti che pare abbia accumulato, sembra voler appositamente rinunciare, dilatando prima i tempi di pubblicazione del bando, poi revocando, in autotutela, gli atti della stessa gara per irregolarità.

A denunciare quelle che non esita a definire come evidenti incapacità e superficialità sulle quali aprire indagini urgenti e serie è il Sindaco Umberto Mazza invocando l’intervento della Regione Calabria su questo ennesimo, eclatante, intollerabile caso di spreco di denaro pubblico e di privazione di servizi in tema ancora una volta di diritto alla salute.

Ai Sindaci – aggiunge il Primo Cittadino nel farsi portavoce dello sdegno diffuso rispetto all’ennesimo stop all’iter per l’affidamento della gestione della Residenza Sanitaria Assistenziale (RSA) di Caloveto – viene richiesto di tollerare la chiusura di reparti o di intere strutture perchè bisogna tagliare le spese e non ci sono risorse. E poi si assiste a situazioni di evidente spreco delle risorse pubbliche.

Se necessario – continua – ci rivolgeremo alla Procura della Repubblica e ci faremo promotori di iniziative anche eclatanti per far riconoscere una volta per tutte il diritto alla salute per questo territorio. Non ci daremo pace finché non si apriranno le porte della struttura con i suoi 60 posti letto, fonte di occupazione per diverse famiglie e risorsa economica per l’intero territorio.

(redazione calabria7)

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Coronavirus, caso sospetto sul treno diretto in Calabria

Francesco Cangemi

Imprese, il Sud registra la crescita maggiore nel 2019

Mirko

Ballottaggi, Santelli: “La regione ha voltato pagina”

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content