Pubbliredazionale

“Insieme per prevenire, un altro evento di successo targato Vibo Marina C’è 

Lo scopo generale del progetto è stato quello di fornire gli strumenti adeguati per adottare un’alimentazione sana, bilanciata e orientata alla prevenzione delle malattie

Grande successo per “Insieme per prevenire”, ottavo evento organizzato dall’associazione “Vibo Marina C’è” presieduta dall’imprenditore Attilio Fiorillo. La manifestazione, a ingresso gratuito, si è svolta sabato 22 luglio nei locali del lido “La Playa di Vibo Marina con un chiaro indirizzo per tutti i bambini del territorio allo scopo di sensibilizzare alla tutela degli animali e alla tutela dei valori ambientali e sportivi. Ma non solo.

In occasione di questa giornata, l’associazione di Fiorillo ha voluto sensibilizzare i bambini sulla tematica della prevenzione delle malattie attraverso un’adeguata alimentazione. L’iniziativa ha trovato il pieno supporto dell’associazione “Vibo in Rosa”, che da anni porta avanti progetti legati alla prevenzione e sensibilizzazione del tumore al seno. E Fiorillo, l’idea, l’ha trovata parlando con l’amica Elena Ichino, che combatte contro un tumore al seno e ha condiviso l’intenzione di voler far luce su questa tematica con un evento del genere. Sempre più numerose sono le donne colpite da tumore al seno, e in egual misura sempre più sono quelle sopravvivono quando essa è diagnosticata in tempo. Per questo motivo è di fondamentale importanza ed è questo che “Vibo in Rosa”, sostenuta in pieno dall’associazione di Fiorillo, si pone come mission quella di costruire un punto di riferimento per le giovani donne, offrendo loro servizi di orientamento e non solo. 

In occasione di questa giornata, l’associazione di Fiorillo ha voluto sensibilizzare i bambini sulla tematica della prevenzione delle malattie attraverso un’adeguata alimentazione. L’iniziativa ha trovato il pieno supporto dell’associazione “Vibo in Rosa”, che da anni porta avanti progetti legati alla prevenzione e sensibilizzazione del tumore al seno. E Fiorillo, l’idea, l’ha trovata parlando con l’amica Elena Ichino, che combatte contro un tumore al seno e ha condiviso l’intenzione di voler far luce su questa tematica con un evento del genere. Sempre più numerose sono le donne colpite da tumore al seno, e in egual misura sempre più sono quelle sopravvivono quando essa è diagnosticata in tempo. Per questo motivo è di fondamentale importanza ed è questo che “Vibo in Rosa”, sostenuta in pieno dall’associazione di Fiorillo, si pone come mission quella di costruire un punto di riferimento per le giovani donne, offrendo loro servizi di orientamento e non solo. 

L’evento si è articolato in due distinti momenti: divertimento di prima mattina sulla spiaggia con l’animazione di “Mamma che festa”. Poco più tardi educazione ambientale a tutela degli animali con le associazioni WWF e Amore Randagio, con la presenza dei cucciolotti e un veterinario. Alle 10:00 attività ludiche merenda salutare, mentre mezz’ora più tardi è andato in scena lo spettacolo di magia con Magic Melanio, illusionista con il suo spettacolo “L’arte dei giochi di prestigio” che ha permesso ai bambini di giocare con un pappagallo. Alle 11:30 balli e giochi di gruppo con Laura e Angela, mentre emozionante è stato il messaggio alle famiglie, alle donne, alle mamme soprattutto, in tema di lotta ai tumori, soprattutto al seno: Elena ha dialogato con le donne presenti, partendo dalla prevenzione per poi ripercorrere le tappe della malattia con la testimonianza di chi ha vissuto in prima persona l’esperienza, spiegando anche l’importanza che le associazioni hanno nel sostegno delle pazienti.

Lo scopo generale del progetto è stato quello di fornire gli strumenti adeguati per adottare un’alimentazione sana, bilanciata e orientata alla prevenzione delle malattie, in modo particolare del tumore, coinvolgendo tutto il contesto familiare nell’impegno di promuovere il benessere del bambino. Don Giuseppe Fiorillo (al quale è stata consegnata la targa per il suo 60esimo anno di sacerdozio) ha ricordato con una preghiera don Saverio Di Bella, sacerdote della parrocchia di Maria Santissima di Pompei a Vibo Marina morto qualche settimana fa: un servitore degli umili come, a parere di Fiorillo, “ce ne sono pochi. Ed è proprio per questo che bisognerebbe riscoprire l’amore gratuito dei bambini che oggi gli adulti hanno perso”. Consegnata anche una targa al lido La Playa che ha ospitato l’evento, oltre agli attestati di partecipazione ai piccoli che hanno preso parte al progetto e alle brochure con la piramide alimentare consegnate alle mamme presenti. Il plauso di Fiorillo va come sempre agli attivisti dell’associazione, che “gratuitamente si attivano per amore della propria terra e dei figli”, ringraziando “tutti gli sponsor per la fiducia, in particolare il main sponsor ‘Partycolari’, e tutte le associazioni di diverse categorie che ci hanno sempre dato fiducia. Un ringraziamento speciale va anche a Davide e Serena per aver dato disponibilità del lido La Playa per il secondo anno consecutivo”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Confermato l'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di Francesco Putortì, indagato per omicidio e tentato omicidio
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved