Saluto romano, la Cassazione: “Applicare l’articolo 5 della legge Scelba”

Secondo i giudici, "a determinate condizioni può configurarsi anche la violazione della legge Mancino". Cosa prevede l'articolo 5 della legge Scelba

Per il saluto romano va contestata la legge Scelba sull’apologia del fascismo, e in particolare l’articolo 5.  Lo ha deciso la Cassazione, che ha disposto un processo di appello bis per otto militanti di estrema destra che avevano compiuto il saluto nel corso di una commemorazione a Milano nel 2016. I giudici, inoltre, ritengono che “a determinate condizioni può configurarsi anche la violazione della legge Mancino“. Prima della pronuncia della Suprema Corte, il procuratore generale Pietro Gaeta aveva sostenuto che il saluto fascista rientra nel perimetro punitivo della legge Mancino “quando realizza un pericolo concreto per l’ordine pubblico”.

“Acca Larentia è una cosa diversa”

“Acca Larentia è una cosa diversa”

 Il rappresentante della procura generale della Suprema Corte ha sottolineato che il caso di Acca Larentia “con 5mila persone è una cosa diversa rispetto a quattro nostalgici che si vedono davanti a una lapide di un cimitero di provincia e uno di loro alza il braccio. Bisogna distinguere la finalità commemorativa con il potenziale pericolo per l’ordine pubblico”.

La decisione della Cassazione sul saluto romano

 Nelle informazioni provvisorie la Suprema Corte afferma che la “chiamata del presente” o “saluto romano” è “un rituale evocativo della gestualità propria del disciolto partito fascista. Esso integra il delitto previsto dall’articolo 5 delle Scelba, ove, avuto riguardo a tutte le circostanze del caso, sia idonea a integrare il concreto pericolo di riorganizzazione del disciolto partito fascista” I giudici, inoltre, ritengono che “a determinate condizioni può configurarsi” anche la violazione della legge Mancino’ che vieta “manifestazioni esteriori proprie o usuali di organizzazioni, associazioni, movimenti o gruppi che hanno tra i propri scopi l’incitamento alla discriminazione o alla violenza per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi. I due delitti possono concorrere sia materialmente che formalmente in presenza dei presupposti di legge”.

Riaperto il processo per il caso della commemorazione di Ramelli del 2016

 Con l’ultima sentenza, le Sezioni unite della Cassazione hanno così annullato la condanna nei confronti di otto persone che avevano fatto il saluto romano durante un corteo commemorativo di estrema destra a Milano nel 2016, disponendo un nuovo processo di appello. I militanti celebravano la memoria del membro del Fronte della Gioventù Sergio Ramelli, ucciso nel 1975. Gli imputati erano stati assolti per l’assenza dell’elemento soggettivo e poi condannati in secondo grado, nel 2020, in riferimento alla legge Mancino del 1993 che punisce le manifestazioni pubbliche di ideologie discriminatorie.

Cosa prevede l’articolo 5 della legge Scelba

 “Chiunque, partecipando a pubbliche riunioni, compie manifestazioni usuali del disciolto partito fascista ovvero di organizzazioni naziste è punito con la pena della reclusione sino a tre anni e con la multa da duecentomila a cinquecentomila lire. Il giudice, nel pronunciare la condanna, può disporre la privazione dei diritti previsti nell’articolo 28, comma secondo, numeri 1 e 2, del codice penale per un periodo di cinque anni”. È quanto prevede l’articolo 5 della legge 20 giugno 1952, n. 645, citato dalla Cassazione in relazione al saluto romano.

La Russa: “La sentenza si commenta da sola”

 Sulla vicenda è intervenuto anche il presidente del Senato, Ignazio La Russa. Fonti vicine all’esponente di Fratelli d’Italia affermano che La Russa “attendeva con interesse di conoscere l’esito della imminente decisione a sezione riunite della Cassazione” perché riteneva “occorresse chiarezza”. Non si è però espresso, ma si è limitato a far sapere che la decisione della Cassazione “si commenta da sola”.

Casapound: “Il saluto romano? Continueremo a farlo”

 “Continueremo a fare il saluto romano”, ha commentato il portavoce di CasaPound, Luca Marsella. “Come già ribadito, continueremo anche a organizzare commemorazioni ad Acca Larentia“. 

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Entrambi sarebbero in attesa di primo giudizio. A vigilare sui cortili della prigione c'era un solo agente
La strada è stata provvisoriamente chiusa al traffico. Il personale di Anas è sul posto per la gestione della viabilità
Un’opera rock di assoluto valore artistico, storico e culturale, che ci riporta al popolo dei Bretti e al mito di Donna Brettia
Edison Malaj è deceduto schiacciato da una lastra di cemento mentre lavorava nel piazzale delle ex cantine sociali di Frascineto
Al "Ceravolo" una partita equilibrata con brivido finale per i giallorossi, che salgono a 39 punti
L’uomo è stato portato in elisoccorso all’Annunziata di Cosenza. La strada fortunatamente non era trafficata al momento dell’incidente
"Si sta cercando di delocalizzare il poco rimasto nel capoluogo che fino a ora rendeva la stessa realtà, e l'area più centrale della Calabria, attrattivi"
Dirigenti dell’Anas, indagati per presunta corruzione, avrebbero fornito informazioni riservate sulle gare. Tutto ruota intorno alla Inver
È il caso di un uomo di 74 anni. Una Tac alla testa ha rivelato la presenza di un ago per l'agopuntura che stava causando un’emorragia cerebrale
Il Coruc, Comitato regionale universitario di coordinamento della Calabria, ha dato l'ok definitivo
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved