Salvare il Sant’Anna Hospital, il consigliere Pitaro scrive ai ministri

"La mancata contrattualizzazione della struttura da parte dell’Asp determinerebbe la perdita per la Calabria di un inestimabile patrimonio sanitario"
assoluzione Pitaro

“La mancata contrattualizzazione del Sant’Anna Hospital  da parte dell’Asp di Catanzaro per l’anno 2021 determinerebbe la perdita per la Calabria di un inestimabile patrimonio scientifico e di sperimentate professionalità con la conseguente ripresa dei ‘viaggi della speranza’ dei calabresi e l’ulteriore danno economico per la Regione”. Lo segnala il consigliere regionale Francesco Pitaro nell’istanza indirizzata al Ministero dell’Interno, al Ministero della Salute, al Presidente della Regione, al Commissario ad acta per la sanità e all’Asp di Catanzaro in merito alla necessaria contrattualizzazione per l’anno 2021 della struttura sanitaria. “Occorre che il presidente Spirlì – aggiunge Pitaro – a cui va dato atto che (assieme al commissario Longo) ha sempre apprezzato la valenza scientifica del Sant’Anna, convochi con urgenza un tavolo di confronto con la Commissione straordinaria dell’Asp di Catanzaro alla presenza del consiglio d’amministrazione della clinica e del commissario Longo, al fine di accertare in contraddittorio l’esistenza dei requisiti di legge in capo al Sant’Anna per la contrattualizzazione per l’anno 2021 e al fine di invitare l’attuale Commissione straordinaria dell’Asp – una volta accertata l’esistenza dei requisiti di legge – a procedere alla contrattualizzazione. In caso di un perdurante atteggiamento ostile, è necessario che il Ministero dell’Interno e del Ministero della Salute – alla luce del rischio grave e imminente di privare la Calabria di una struttura cardiologica  d’eccellenza e di lasciare 300 persone senza lavoro – avochino, in qualità di organi politico-amministrativi gerarchicamente sovraordinati, il procedimento diretto alla contrattualizzazione del Sant’Anna per l’anno 2021”. Sottolinea il consigliere regionale: “Dopo l’inibizione da parte dell’Asp dell’attività sanitaria – poi sospesa dal Tar di Catanzaro – a seguito dell’avvio di un procedimento penale, la struttura (il cui consiglio d’amministrazione è stato completamente rinnovato) ha dovuto chiudere, i lavoratori sono rimasti a casa e i pazienti calabresi, molti già prenotati per delicatissimi interventi chirurgici, hanno dovuto rivolgersi alle strutture di altre regioni. Di fronte a un quadro così sconfortante, la politica deve assumere un atteggiamento responsabile e propositivo, aprendo un confronto con la burocrazia e scongiurando ostacoli che risultino fortemente penalizzanti quanto illogici e incomprensibili. Infatti – conclude Pitaro -, nonostante le verifiche svolte dagli organi di legge circa l’esistenza dei requisiti e nonostante l’accreditamento concesso alla struttura dal Commissario ad acta per la sanità, l’Asp di Catanzaro ha negato immotivatamente, con delibera N. 443 del 13/4/2021, la contrattualizzazione al Sant’Anna sul presupposto che è in corso un’indagine penale. Indagine che deve essere portata avanti per l’accertamento di eventuali responsabilità penali, ma che, come ho sempre sostenuto, non può determinare l’annientamento di una struttura sanitaria d’eccellenza”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
“I piccoli e medi industriali rappresentano la forza più sana dell'Italia. La loro forza non deriva dalla produzione. ma dall'efficienza”
“Grande soddisfazione per tutto il movimento pesistico calabrese, orgoglio e consapevolezza di aver saputo riconoscere un talento naturale"
Dagli atti sono emerse anche violenze e minacce nei confronti dei dirigenti della Spumador Spa, azienda di bevande gassate
L'uomo è accusato di minacce aggravate dall’uso delle armi, simulazione di reato, ricettazione e esplosioni pericolose in luogo pubblico
A Crotone verranno svolte le audizioni con le delegazioni provenienti dai Paesi europei verso i quali hanno chiesto la ricollocazione
L'unico soggetto ritenuto responsabile del delitto rimane Antonio Zuliani il quale aveva tentato di chiamare in causa i due imputati
"Una larga parte degli oneri di sistema serve a finanziare spese che nulla hanno a che vedere con i consumi energetici degli utenti"
"Gli interventi, oltre ad apportare dei miglioramenti in termini di vivibilità degli spazi, produrranno risparmio sui costi energetici"
L'iniziativa è iniziata nel dicembre 2021 con la programmazione di una serata a settimana, in cui i locali aderenti hanno proposto eventi
La ministra Locatelli conoscerà il lavoro che le associazioni svolgono per favorire autonomia e integrazione delle persone con disabilità
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2023 © All rights reserved

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.