Calabria7

Salvata in Calabria bimba su un canotto spinta dal vento a oltre un miglio dalla costa

La Guardia Costiera di Maratea questa mattina ha condotto e portato a termine con successo una delicata operazione di soccorso a favore di una bambina ucraina di quattro anni che a causa del forte vento che ha interessato la zona del litorale di Santa Maria del Cedro, è stata sospinta al largo fino alla considerevole distanza di circa un miglio e mezzo dalla costa, mentre giocava sul proprio canottino. La missione di ricerca e soccorso della piccola è stata condotta dall’equipaggio di turno della Guardia Costiera, mediante il Battello litoraneo Zodiac Hurricane G.C. A84.

Posizione in mare sconosciuta

Nonostante la posizione in mare della bambina fosse di fatto sconosciuta – in quanto già da parecchio tempo non più visibile dai familiari a terra che hanno provveduto ad allertare l’organizzazione di soccorso marittimo – l’equipaggio del battello veloce è riuscito a mettere in atto un dispositivo di ricerca che, valutata intensità di vento e corrente presenti in zona, ha consentito l’individuazione, il recupero e l’atterraggio della giovanissima fanciulla, che è stata assicurata ai familiari che erano in attesa sulla spiaggia.

Affidata alle cure del 118

Una volta giunta a terra, è stata poi precauzionalmente affidata alle cure del personale medico del 118. Le operazioni di ricerca e soccorso sono state condotte con successo anche grazie alle indicazioni fornite da alcune persone presenti in zona ed appartenenti alla locale marineria, che di fatto hanno permesso una più rapida individuazione della piccola. L’equipaggio del battello, provato ma entusiasta, ha fatto rientro a Maratea, mai come oggi conscio dell’antica massima “chi salva una vita, salva il mondo intero”. Tale intervento, felicemente conclusosi, fa parte del compito primario e continuativo di salvaguardia della vita umana in mare che vede diuturnamente impegnato il Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Narcotraffico e mafie: 85 misure cautelari, in manette falsa collaboratrice di giustizia

Maria Teresa Improta

Dispersi fra le montagne calabresi, salvati dai carabinieri

Francesco Cangemi

Non serviva caffè ma cocaina, arrestato titolare di un bar nel Cosentino

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content