Calabria7

“Salvate la Reggina”, migliaia di tifosi in piazza per difendere il futuro della società

“Non possiamo perdere la Reggina”. E’ stato questo il grido che ha accompagnato il raduno della tifoseria amaranto a Reggio Calabria. Erano quasi un migliaio, i tifosi della curva Sud che si sono ritrovati piazza Duomo, per poi sfilare lungo il corso Garibaldi, principale arteria pedonale della città, fino a Largo Colombo, al grido di “Reggina, Reggina!”. Tra loro anche il giocatore German Denis. La vicenda che ha coinvolto il presidente della Società Luca Gallo, agli arresti domiciliari con l’accusa di riciclaggio e altri reati societari nell’ambito di una inchiesta della Procura della Repubblica di Roma, preoccupa non poco tifosi e istituzioni.

Nei giorni scorsi in Comune l’incontro dell’Amministratore giudiziario, nominato dalla Procura, avv.
Katiuscia Perna, con i Sindaci ff del Comune Paolo Brunetti, e della Città Metropolitana Carmelo Versace. Ed è a loro che i portavoce della tifoseria si sono rivolti avere notizie e rassicurazioni sulla gestione societaria. Brunetti e Versace hanno ribadito i contenuti dei colloqui avuti con l’avv. Perna: il rispetto delle scadenze, l’approvazione del Bilancio, l’iscrizione al prossimo campionato e l’eventuale cessione della squadra ad uno dei gruppi di investitori interessati ad acquisire la Reggina. “Non possiamo dare garanzie – ha affermato Perna – Vi posso dire soltanto che stiamo vigilando. La Reggina è un patrimonio della città e va difeso a tutti i costi”. Versace ha informato di colloqui in corso per coinvolgere eventualmente anche imprenditori locali. Ma è tutto ancora in itinere. Le prossime settimane saranno decisive. Intanto la città, ha fatto sentire la sua voce e manifestato la sua vicinanza alla squadra simbolo della città.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Servizi di ristorazione e pulizia a esponenti ‘ndrangheta, Caronte in amministrazione giudiziaria

Mirko

‘Ndrangheta: estradato dalla Francia Mario Miceli

Matteo Brancati

Occhiuzzi: “Cosenza, le ultime partite andranno giocate alla morte”

Antonio Battaglia
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content