San Calogero, Cartellino scrive al sindaco: “Stop erogazione acqua causa malcontento”

Cosimo Damiano Cartellino, Presidente e Fondatore Partito dei Valori Cristiani, attraverso una nota stampa scrive al sindaco San Calogero sulla problematica riguardante il servizio dell’acqua potabile che sarebbe interrotta continuatamente.

“Illustrissimo Dottor Nicola Brosio, Sindaco di San Calogero, con la presente veniamo a Lei per comunicare alla V.S. ed in particolare al Signor Prefetto di Vibo Valentia che il nostro Dirigente Nazionale del Dipartimento Diversamente Abili del Partito dei Valori Cristiani, residente in Calabria ed esattamente

“Illustrissimo Dottor Nicola Brosio, Sindaco di San Calogero, con la presente veniamo a Lei per comunicare alla V.S. ed in particolare al Signor Prefetto di Vibo Valentia che il nostro Dirigente Nazionale del Dipartimento Diversamente Abili del Partito dei Valori Cristiani, residente in Calabria ed esattamente
nel suo Comune di San Calogero, continua a ricevere molteplici segnalazioni non solo da San Calogero ma anche da molti altri paesi limitrofi e da Vibo Valentia stessa che il servizio di erogazione delle acque potabili nelle abitazioni è interrotto continuamente; senza che i cittadini vengano avvisati.

Tutto ciò alimenta allarmi e malcontento nelle famiglie soprattutto perchè una famiglia con la presenza di soggetti, già limitati dalla vita, non riescono nemmeno a esercitare una giusta igiene alla propria persona, oltre a creare gravissimi disagi per quanto riguarda la pulizia e l’igiene della casa stessa. Vorremmo chiedere con estrema cortesia a Voi tutti Dirigenti, quali sono le ragioni che creano questo gravissimo disservizio per poter dare una risposta immediata a tutti i cittadini dei paesi elencati sopra.

Ci auspichiamo che le cause di interruzione idrica nei comuni della zona sia causati soltanto per limitare eventuali danni in termini di salute ai cittadini nel qual caso l’interruzione dell’acqua sia necessaria per la manutenzione di tubazioni e cassoni in cemento-amianto.

Alleghiamo a tale titolo Decreto Ministeriale del 14/05/1996. Normative e metodologie tecniche per gli interventi di bonifica, ivi compresi quelli per rendere innocuo l’amianto, previsti dall’art. 5, comma 1, lettera f), della legge 27 marzo 1992, n. 257, recante: “Norme relative alla cessazione dell’impiego dell’amianto”, affinchè possiate intravedere quali sono i veri motivi di queste interruzioni per poter far comprendere ai cittadini che si rivolgono a noi, come Partito dei Valori Cristiani tramite il nostro dirigente Cosimo Limardo, che nulla di illegale esiste in questo gravissimo disservizio di interruzione di acqua potabile.

Attendiamo fiduciosi una Vostra risposta in merito e colgo l’occasione, a nome del nostro Dirigente Nazionale del Dipartimento Diversamente Abili, Cosimo Limardo, e mio personale in qualità di Presidente e fondatore del Partito dei Valori Cristiani, di porgere cordiali e distinti saluti”.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Il membro Udc chiede la restituzione del medaglione sacro sottratto dalla chiesa di Bovalino. “Ogni reato deve essere considerato grave”
Il governatore ha partecipato alla Conferenza dei delegati calabresi al congresso del partito svoltasi a Lamezia Terme
L'iniziativa è partita dalla Casa del Popolo Thomas Sankara e ha visto l'adesione di diverse realtà e associazioni cittadine
La struttura, funzionante da 30 anni, custodisce 90 mila volumi e gestisce oltre 2 milioni di schede bibliografiche on line
Già in passato si erano verificati episodi simili ai danni dell’imprenditrice. Coldiretti Calabria: "Un vile atto e un gesto inqualificabile" 
Per l’8 Marzo la città ospita il cartellone "Il senso delle donne”, sostenuto dal Comune in collaborazione con le associazioni del territorio
Il gruppo provinciale per l’Ordine e la sicurezza pubblica si è riunito con la presenza della sottosegretaria all’Interno Wanda Ferro, tra altri
Le segreterie nazionali: “Riduzione preoccupante delle attività. La situazione sta degenerando in tutti i territori interessati, inclusa la Calabria”
Il caso
Dopo la vergognosa guerriglia post-derby le due Questure facciano subito luce su quanto accaduto. Ancora si attendono i Daspo dell’andata
A Lamezia Terme, il segretario generale del sindacato ha partecipato insieme a Roberto Occhiuto a un'iniziativa sullo sviluppo del Mezzogiorno
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved