Calabria7

Sangue infetto all’Annunziata, assolto il direttore sanitario

idonei covid sangue infetto idonei ospedale annunziata blocco

La Corte d’appello di Catanzaro – nell’udienza di lunedì scorso, 13 luglio, ha assolto Osvaldo Perfetti per non aver commesso il fatto relativamente all’inchiesta “Sangue Infetto” che interessò l’ospedale Annunziata di Cosenza nel luglio del 2013.

Sangue infetto, il direttore sanitario Perfetti estraneo ai fatti

A quel tempo il Perfetti ricopriva la carica di direttore sanitario della direzione medica del presidio unico dell’azienda ospedaliera.

Nella precedente udienza era stato lo stesso Procuratore generale che ne aveva chiesto l’assoluzione, condividendo appieno le argomentazioni contenute nell’atto di appello.

Il difensore del medico, l’avvocato Emilio Perfetti, si è così detto soddisfatto dell’esito del processo perché, seppur tardivamente, la sentenza dichiara l’incensurabilità del dirigente sanitario, ingiustamente coinvolto in una vicenda nella quale, al contrario, solo grazie al suo tempestivo intervento, in qualità di Coordinatore del Comitato infezioni ospedaliere, insieme a tutti i componenti del Cio, ha salvato altri pazienti dal rischio di infezioni.

La soddisfazione di Perfetti

“Il dott. Perfetti – ha ribadito il difensore – ha semplicemente fatto il suo dovere e certo non meritava di essere processato dallo Stato. In quel momento Osvaldo Perfetti era lo Stato, lo Stato che assiste, lo Stato che previene le malattie dei propri cittadini. Lo stesso Prof. Giuliano Grazzini – direttore del Centro nazionale sangue all’epoca dei fatti – che effettuò l’ispezione disposta dal Ministero insieme alla Commissione di audit nominata in seguito agli eventi ebbe a definire ‘lodevole’ il comportamento del dott. Perfetti rimarcandone la tempestività e l’efficienza dell’intervento”.

La vicenda del “sangue infetto” aveva fatto molto scalpore all’epoca dei fatti, l’intero vertice dell’Annunziata ne fu investito e l’amplificazione che ne fecero i media non poteva che portare all’accertamento giudiziario dei fatti e delle responsabilità correlate.

“La sentenza di primo grado del Tribunale di Cosenza – ha affermato ancora il penalista subito dopo la pronuncia della Corte – si è rivelata fondatamente ingiusta ed aveva emesso una condanna assolutamente immotivata, senza tenere conto delle numerose testimonianze in favore del Dirigente medico.”

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Melito Porto Salvo, arrestato un giovane per tentato omicidio.

Maurizio Santoro

Fase 2: Rende, i musei si preparano alla riapertura

Matteo Brancati

Agricoltura, Magliocco Dolce nel registro nazionale varietà vite

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content