Calabria7

Sanità calabrese, incontro tra Occhiuto e Anelli a Roma: “Confronto utile per trovare soluzioni”

occhiuto sanità

La sanità calabrese versa in una situazione di estrema emergenza, anche a causa della carenza di personale, realtà che ha spinto la Regione ad intervenire con misure eccezionali per il reclutamento immediato, ma provvisorio, di medici provenienti da altri Paesi. Di questo e ed altro si è parlato nel colloquio, avvenuto questa mattina a Roma, nella sede della Delegazione regionale a Piazza di Campitelli, tra il presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto, e quello della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, la Fnomceo, Filippo Anelli.

“Strategia condivisa per individuare i problemi della sanità”

“Ringrazio Anelli per il proficuo e positivo confronto odierno – ha affermato Occhiuto – denso di proposte e che si è chiuso con l’individuazione di una strategia condivisa per affrontare i problemi della sanità calabrese e della carenza di personale sanitario, che non riguarda solo noi ma tutto il territorio nazionale. La Regione Calabria nel sottoscrivere un accordo per un distacco transnazionale con il governo cubano ha rispettato, avendo come stella polare il bene dei calabresi e il loro diritto alla cura, la legislazione vigente e le deroghe concesse per valutare i titoli e le competenze dei professionisti extra-UE che ci daranno una mano, in via emergenziale, nei prossimi mesi”.

“Snellire le procedure di reclutamento dei medici italiani”

“Circostanze di questo tipo – ha ricordato Occhiuto – stanno avvenendo anche in altre Regioni, e potrebbero continuare a replicarsi in futuro. Proprio per questa ragione, mentre andremo avanti con l’intesa con Cuba, condivido la necessità di intervenire affinché in futuro anche i professionisti extracomunitari che prestano servizio momentaneamente nel nostro Paese possano avere la possibilità, con le modalità che andranno individuate, di iscriversi agli Ordini dei medici italiani. Allo stesso tempo occorrerà intervenire per snellire le procedure di reclutamento dei medici italiani, in modo da colmare almeno in parte la carenza di personale nei nostri sistemi sanitari”.

Sanità calabrese “paradigma delle disuguaglianze di salute”

“Abbiamo apprezzato la sensibilità dimostrata dal presidente Occhiuto nel prendersi a cuore la questione della carenza di medici specialisti in Calabria – ha affermato Anelli – e nel voler trovare una soluzione emergenziale, utilizzando tutte le risorse possibili. Da parte nostra, abbiamo in più occasioni espresso le nostre preoccupazioni per la sanità calabrese, diventata purtroppo paradigma delle disuguaglianze di salute nel nostro Paese. Ma abbiamo chiesto che la legge sia uguale per tutti, e che gli Ordini possano garantire l’esercizio della professione di tutti i medici che esercitano sul territorio italiano. Abbiamo quindi condiviso con Occhiuto la necessità di una modifica della normativa, che preveda esplicitamente il requisito dell’iscrizione ai nostri Albi anche per i medici extra-UE che esercitino temporaneamente in Italia”, ha concluso Anelli.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Rinascita Scott, altra patata bollente nel maxi processo: un giudice vorrebbe astenersi

Mimmo Famularo

Gratteri e il Covid: “Io negazionista? Non è vero. In Procura siamo tutti vaccinati”

Damiana Riverso

Sanità, Agenas promuove Cardiochirurgia universitaria Catanzaro

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content