Sanità calabrese, incontro tra Occhiuto e Anelli a Roma: “Confronto utile per trovare soluzioni”

Individuata una "strategia condivisa per affrontare i problemi della sanità calabrese e della carenza di personale sanitario"
occhiuto sanità

La sanità calabrese versa in una situazione di estrema emergenza, anche a causa della carenza di personale, realtà che ha spinto la Regione ad intervenire con misure eccezionali per il reclutamento immediato, ma provvisorio, di medici provenienti da altri Paesi. Di questo e ed altro si è parlato nel colloquio, avvenuto questa mattina a Roma, nella sede della Delegazione regionale a Piazza di Campitelli, tra il presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto, e quello della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, la Fnomceo, Filippo Anelli.

“Strategia condivisa per individuare i problemi della sanità”

“Strategia condivisa per individuare i problemi della sanità”

“Ringrazio Anelli per il proficuo e positivo confronto odierno – ha affermato Occhiuto – denso di proposte e che si è chiuso con l’individuazione di una strategia condivisa per affrontare i problemi della sanità calabrese e della carenza di personale sanitario, che non riguarda solo noi ma tutto il territorio nazionale. La Regione Calabria nel sottoscrivere un accordo per un distacco transnazionale con il governo cubano ha rispettato, avendo come stella polare il bene dei calabresi e il loro diritto alla cura, la legislazione vigente e le deroghe concesse per valutare i titoli e le competenze dei professionisti extra-UE che ci daranno una mano, in via emergenziale, nei prossimi mesi”.

“Snellire le procedure di reclutamento dei medici italiani”

“Circostanze di questo tipo – ha ricordato Occhiuto – stanno avvenendo anche in altre Regioni, e potrebbero continuare a replicarsi in futuro. Proprio per questa ragione, mentre andremo avanti con l’intesa con Cuba, condivido la necessità di intervenire affinché in futuro anche i professionisti extracomunitari che prestano servizio momentaneamente nel nostro Paese possano avere la possibilità, con le modalità che andranno individuate, di iscriversi agli Ordini dei medici italiani. Allo stesso tempo occorrerà intervenire per snellire le procedure di reclutamento dei medici italiani, in modo da colmare almeno in parte la carenza di personale nei nostri sistemi sanitari”.

Sanità calabrese “paradigma delle disuguaglianze di salute”

“Abbiamo apprezzato la sensibilità dimostrata dal presidente Occhiuto nel prendersi a cuore la questione della carenza di medici specialisti in Calabria – ha affermato Anelli – e nel voler trovare una soluzione emergenziale, utilizzando tutte le risorse possibili. Da parte nostra, abbiamo in più occasioni espresso le nostre preoccupazioni per la sanità calabrese, diventata purtroppo paradigma delle disuguaglianze di salute nel nostro Paese. Ma abbiamo chiesto che la legge sia uguale per tutti, e che gli Ordini possano garantire l’esercizio della professione di tutti i medici che esercitano sul territorio italiano. Abbiamo quindi condiviso con Occhiuto la necessità di una modifica della normativa, che preveda esplicitamente il requisito dell’iscrizione ai nostri Albi anche per i medici extra-UE che esercitino temporaneamente in Italia”, ha concluso Anelli.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Imponente operazione coordinata dalla Procura della Repubblica del Tribunale di Locri e condotta dai carabinieri, che ha portato all'arresto di un 77enne
L'intervento ha visto l'installazione di oltre 800 metri di percorso tattile-plantare e mappe tattili lungo tutto il perimetro della struttura
Badolato, sulla costa ionica catanzarese, non è nuova alla vetrina nazionale. In questo sito il 24 agosto 1997 approdò la prima nave della speranza, nei pressi di Bocca di Galluppi
Erano state soccorse in acque internazionali mentre si trovavano su tre imbarcazioni "inadatte alla navigazione"
Il messaggio è stato lanciato in occasione del mese dedicato alla cura dell'udito
I fatti risalgono al periodo compreso tra il 2019 e il 2023. Bloccata l'erogazione di ulteriori due milioni non dovuti
"Un’iniziativa meritoria - ha detto Romeo - che prescinde dal colore politico ponendosi invece l’obiettivo di sensibilizzare la città su un tema davvero importante"
"Ho scelto di non citare mai il nome del suo assassino" ha detto Gino Cecchettin, ospite a 'Che tempo che fa'
Indagine della Procura di Catanzaro su diversi impianti di depurazione comunale. Ecco chi va in carcere e chi ai domiciliari. Sequestrate quattro società
l'inviato
Anche la Baia di Sant'Irene, nel cuore dell'incantevole Costa degli Dei, rischia di essere cancellata dalle mappe geografiche
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved