Il caso

Sanità da “terzo mondo” in Calabria, la situazione dei 18 centri di dialisi a Cosenza: “Un disastro”

La struttura ubicata nel presidio ospedaliero dell’Annunziata ha gravissime carenze di personale e alberghiere. Solo Vibo Valentia è messa peggio di Cosenza

“Centro dialisi del presidio ospedaliero dell’Annunziata di Cosenza da Paese africano”. Ad affermarlo è il presidente Nazionale Aned (Associazione nazionale emodializzati) Pasquale Scarmozzino il quale aspetta un intervento del management dell’Asp dal 2014. “Tutte le mie richieste – ha sottolineato il numero uno Aned – sono cadute nel vuoto. Da 10 anni gli oltre 1000 dializzati vengono presi letteralmente in giro. Le nostre richieste finalizzate al miglioramento del servizio non hanno mai avuto accoglienza da parte dei diversi manager che si sono alternati alla guida dell’Azienda sanitaria. Anche l’attuale Commissario Vitaliano De Salazar non sembra molto propenso a venirci incontro per risolvere gli annosi problemi che gravano sull’importante servizio. Mi dispiace per come si stanno comportando ai vertici dell’Asp. La sofferenza di queste persone non viene presa in considerazione. Sono amareggiato”.

Riflettori sui centri dialisi: “Situazione disastrosa”

Riflettori sui centri dialisi: “Situazione disastrosa”

Dopo il Pronto soccorso del presidio ospedaliero cosentino accendiamo i riflettori su tutti i Centri dialisi che si trovano nel capoluogo di provincia e sul territorio. Quello ubicato all’interno del nosocomio, è convinzione diffusa tra i dializzati, è da Paese in via di sviluppo non solo per la carenza di personale sanitario ma anche per il degrado in cui si trovano i locali. Solo la struttura dell’ospedale “Jazzolino “ di Vibo Valentia è messa peggio. Nel territorio cosentino complessivamente sono in funzione 18 Centri dialisi. I più importanti sono quelli di Cosenza, Rossano , Castrovillari, Cetraro e Paola. Complessivamente sono 1000 i pazienti dializzati. Solo la città capoluogo ne ha 600. Gli altri 400 sono in carico agli altri 17 Centri. “La situazione – ha confermato il presidente Scarmozzino – è disastrosa anche negli altri Centri perché manca sempre il personale sanitario. Gravi carenze anche dal punto di vista alberghiero. In tutte le strutture per dializzati manca circa il 30 per centro del personale sanitario. I nefropatici devono fare i conti anche con la mancanza di arredi moderni e funzionali. Da anni aspettiamo che vengano cambiati i lettini. Quelli attualmente in uso sono molto vecchi e creano non pochi problemi ai pazienti dializzati. Aspettiamo risposte dal Commissario da molto tempo. I nostri rapporti sono molto freddi. Spesso non si vuole capire che coloro che soffrono vanno accuditi amorevolmente. Speriamo che il dottore De Salazar mi chiami. Ciò significa che è disposto a dare una mano ai dializzati che sono soggetti molto fragili. Se non vengono seguiti con attenzione rischiano di morire”.

Sull’orlo di una crisi di nervi

I dializzati sono sull’orlo di una crisi di nervi. Non sono più disponibili ad aspettare. Vogliono essere ascoltati. Per questo chiedono di poter incontrare il commissario Vitaliano De Salazar e il presidente della Regione Roberto Occhiuto. Anche il servizio dialisi è una grave emergenza in tutta la Calabria.

LEGGI ANCHE | Mancanza di posti letto e personale sanitario, l’Annunziata di Cosenza a rischio collasso

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved