Calabria7

Sanità, Decreto Calabria: Cotticelli, Spirlì e Zuccatelli in audizione alla Camera

di Bruno Mirante – “Insieme ai colleghi calabresi del M5s stiamo valutando tante opzioni. Siamo disposti a non votare il decreto Calabria se non dovessero nominare Gino Strada”. Si è espresso in questi termini il presidente della commissione parlamentare Antimafia Nicola Morra, nel corso di una trasmissione televisiva andata in onda nella tarda serata di ieri in merito al futuro della gestione commissariale della sanità calabrese. Questa mattina gli ha fatto eco il leader di Italia Viva Matteo Renzi che, sebbene non abbia minacciato un voto contrario in sede di conversione parlamentare del decreto,  ha affermato che, a suo parere,  “il Presidente del Consiglio e il Ministro della Sanità possono fare una sola cosa per rimediare al pasticcio Cotticelli/Zuccatelli: firmare oggi stesso la nomina di Gino Strada a commissario per la sanità in Calabria. Accompagnarlo fisicamente a Catanzaro. E dargli tutti i poteri”. Uno scenario che configura sempre di più il destino della sanità calabrese come un braccio di ferro interno alla maggioranza di governo con il partito del ministro Roberto Speranza, Leu, che pare non essere intenzionato a tornare su i suoi passi e un cospicuo numero di eletti del partito di Grillo che spinge per il superamento della designazione del manager emiliano con la nomina del fondatore di Emergency. Il pallino resta in mano al ministro Speranza mentre Zuccatelli fa sapere di essere disponibile alle dimissioni solo e soltanto se sarà il titolare del dicastero alla salute a richiederlo.

In tutto ciò, in Calabria, in piena emergenza sanitaria con la regione dichiarata area rossa e al netto delle lottizzazioni politiche, non è stata ancora definita la composizione della struttura commissariale della sanità calabrese. Il Decreto Calabria è ormai da giorni sulla Gazzetta Ufficiale ma ancora nessun “suprecommissario” può esercitare i poteri assegnati alla sua struttura perché quella di Zuccatelli è stata una designazione che (ancora) non ha trovato l’ufficialità mediante la notifica all’interessato. Alla conferma di Zuccatelli sempre essere legato anche il destino del sub commissario Maria Crocco. Solo una nomina di superamento che ridiscuta completamente i componenti della struttura, infatti, potrebbe frapporsi alla conferma di “Maria” nel ruolo che ha svolto al fianco del dimissionario Cotticelli.

Le audizioni in commissione affari sociali

Intanto è iniziato l’iter parlamentare che porterà alla conversione in legge del Decreto Calabria. Nella giornata di domani inizierà il ciclo di audizioni non formali in commissione Affari Sociali con relatore il deputato bolognese del Pd Luca Rizzo Nervo.  Il calendario delle audizioni,  che si terranno in videoconferenza, nella giornata di domani prevede alle ore 10 l’appuntamento con Andrea Urbani, direttore generale della Direzione generale della programmazione sanitaria del Ministero della salute (e già sub commissario al Piano di rientro in Calabria); subito dopo toccherà ai segretari regionali di Cgil, Cisl e Uil; alle ore 11.15 è prevista l’audizione di Ettore Jorio, professore di Diritto civile della sanità e dell’assistenza sociale presso l’Università degli Studi della Calabria e Francesca Lecci, direttore executive Master in Management delle aziende sanitarie e socio-assistenziali (EMMAS) – SDA Bocconi. Alle ore 11.50 toccherà alla federazione italiana aziende sanitarie e ospedaliere (FIASO) e Associazione medici e dirigenti del Servizio sanitario nazionale (ANAAO-ASSOMED) mentre alle ore 12.30 sarà il turno di Francesco Bevere, direttore generale del Dipartimento tutela della salute, politiche sanitarie della regione Calabria. Alle ore 14 sarà la volta dell’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (AGENAS) mentre alle ore 14.30 i parlamentari audiranno Saverio Cotticelli, ex Commissario ad acta per l’attuazione del Piano di rientro dai disavanzi del servizio sanitario della regione Calabria e alle ore 15 Filippo Palumbo, già direttore generale e capo dipartimento presso il Ministero della salute.

Mercoledì 18 sono in programma, invece, alle ore 12, l’audizione del presidente facente funzioni della Regione Calabria Nino Spirlì e alle 12.30 quella del commissario ad acta per il piano di rientro dai disavanzi del servizio sanitario della Regione Calabria, Giuseppe Zuccatelli.

 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Le mani della cosca Bagalà nel Lametino, diciassette arresti (NOMI)

Gabriella Passariello

Pillon: “Questa partita mi ha fatto capire molte cose sul Cosenza”

Antonio Battaglia

Summer Arena, Anastasio in concerto

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content