Calabria7

Sanità, Di Natale: “Mettere fine a situazione di incertezza degli Oss”

Di Natale malattie infettive

“Mediante interrogazione a risposta scritta ho chiesto ufficialmente, al presidente del Consiglio della Regione Calabria, di fornire una risposta concreta e definitiva sul modo in cui intende porre rimedio alla lunga incertezza lavorativa che riguarda l’intera categoria degli operatori socio sanitari”. È quanto afferma il consigliere regionale, Graziano Di Natale. “Sebbene nell’anno 2013 – spiega – circa 120 operatori abbiano frequentato un corso per personale interno di Oss, finanziato e voluto dall’Asp di Cosenza, con lo scopo evidente di riqualificare personale già in pianta organica per lo svolgimento di mansioni diverse, questi operatori svolgono, da allora, le mansioni di Oss con chiaro e comprensibile disagio in quanto, poiché svolgono mansioni superiori all’inquadramento che li espone a rischi continui perché chiamati a svolgere un lavoro per cui non sono autorizzati neanche da ordini di servizio. Inoltre, come se non bastasse quanto sopra elencato, subiscono la scherno del mancato riconoscimento del corrispondente livello economico”.

Di Natale aggiunge che “addirittura, tra gli stessi operatori, c’è chi è costretto a lavorare ancora con contratti part-time, piuttosto che a tempo pieno. Ciò comporta evidentemente una carenza di organico e conseguentemente a questo si sopperisce con turni straordinari con evidente nocumento per l’azienda chiamata ad elargire esborsi extra”.

L’esponente politico non risparmia una stoccata alla maggioranza di Palazzo Campanella, ritenuta “non esente da responsabilità politiche”, e dichiara: “Ovviamente se l’Asp di Cosenza prosegue in questa pessima gestione del personale, mortificando una categoria così importante, anche la giunta non è esente da colpe dato che avrebbe dovuto vigilare sulla vicenda, intervenendo preventivamente”.

“Ancora una volta – prosegue Di Natale – il centrodestra dimostra, invece, di essere distante dai calabresi, disconoscendo i loro problemi. Queste risorse vanno tutelate. Agli operatori socio sanitari va la mia vicinanza incondizionata. Da tempo mi oppongo con forza a questa prassi, divenuta quasi sistematica. Da un lato l’Asp che gestisce la sanità pubblica in maniera aberrante, dall’altro l’immobilismo della poltica, ormai occupata a fare campagna elettorale”.

Di Natale, lancia un appello al neo commissario dell’Asp La Regina “con la speranza – dice – che possa trovare le giuste soluzioni per mettere fine alle vessazioni subite dagli operatori socio sanitari che con grande abnegazione hanno proseguito il loro impegno in corsia. Continuerò a vigilare la vicenda senza indietreggiare di un millimetro”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Le Sardine ricordano Jole: “Ha preferito la propria comunità al benessere personale”

Giovanni Bevacqua

In paese solo un medico nove ore a settimana, protesta in provincia di Cosenza

Maria Teresa Improta

Donna muore investita da un’auto nel Cosentino, fuggito il conducente

Antonio Battaglia
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content