Calabria7

Sanità in Calabria, scatta interdizione per ex commissari e responsabile anti-Covid

Un provvedimento di interdizione dai pubblici uffici per un anno è stato disposto dal Gip del Tribunale di Cosenza Manuela Gallo nei confronti degli ex commissari alla sanità calabresi Massimo Scura e Saverio Cotticelli e per l’ex direttore del Dipartimento salute della Regione Calabria, oggi responsabile per l’emergenza Covid, Antonio Belcastro. I tre sono indagati nell’ambito dell’inchiesta “Sistema Cosenza”, che la Procura della Repubblica di Cosenza sta conducendo in relazione a presunte irregolarità scoperte nella redazione dei bilanci dell’Azienda sanitaria cosentina. Il provvedimento del giudice è immediatamente esecutivo e riguarda anche i dirigenti dell’Asp di Cosenza Bruno Zito e Vincenzo Ferrari.
Nell’ambito della stessa inchiesta sono stati interdetti dai pubblici uffici, per la durata di un anno, i dirigenti dell’Asp di Cosenza Aurora De Ciancio e Nicola Mastrota. Interdetti per 6 mesi il responsabile Uos Gestione Giuridica del Personale, Fabiola Rizzuto, e il direttore dell’ Uosd Medicina Legale dell’Asp di Cosenza, Antonio Scalzo.

I nove, in occasione dell’operazione – condotta dalla Guardia di finanza il 5 febbraio scorso con l’esecuzione di divieto di dimora nei confronti di altri 6 indagati – avevano ricevuto l’invito a rendere testimonianza davanti al gip proprio in relazione alla richiesta della Procura della Repubblica di sospensione dall’esercizio di pubblico ufficio. Le accuse ipotizzate, a vario titolo, sono abuso d’ufficio, falsità materiale commessa del pubblico ufficiale in atti pubblici e falsità  ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici. I provvedimenti sono stati notificati dai finanzieri del Nucleo di Polizia economico-finanziaria di Cosenza.
“Si tratta – ha detto l’avvocato Francesco Rotundo, legale di Massimo Scura – di un provvedimento di oltre 200 pagine e certamente presenteremo ricorso al Tribunale della libertà. I commissari non hanno mai avuto il bilancio da parte del dipartimento e per questo il provvedimento mi lascia perplesso. Il mio assistito è rimasto male perché nel momento in cui ha avuto i bilanci dell’Asp li ha bocciati e al Gip abbiamo portato
il decreto con il quale Scura bocciò il bilancio 2014, per il 2015 e 2016 non gli é mai arrivato, come faceva a valutarlo? Queste pratiche non sono mai state istruite”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Valli Cupe, progetto “Biolkids” entra nelle scuole

Matteo Brancati

Carabinieri, ottimi risultati nell’operazione antibracconaggio “Adorno 2019”

Mirko

Basket, Mastria Vending Smaf Catanzaro travolge la Vis Reggio Calabria

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content