Calabria7

Sanità in Calabria, scatta interdizione per ex commissari e responsabile anti-Covid

Un provvedimento di interdizione dai pubblici uffici per un anno è stato disposto dal Gip del Tribunale di Cosenza Manuela Gallo nei confronti degli ex commissari alla sanità calabresi Massimo Scura e Saverio Cotticelli e per l’ex direttore del Dipartimento salute della Regione Calabria, oggi responsabile per l’emergenza Covid, Antonio Belcastro. I tre sono indagati nell’ambito dell’inchiesta “Sistema Cosenza”, che la Procura della Repubblica di Cosenza sta conducendo in relazione a presunte irregolarità scoperte nella redazione dei bilanci dell’Azienda sanitaria cosentina. Il provvedimento del giudice è immediatamente esecutivo e riguarda anche i dirigenti dell’Asp di Cosenza Bruno Zito e Vincenzo Ferrari.
Nell’ambito della stessa inchiesta sono stati interdetti dai pubblici uffici, per la durata di un anno, i dirigenti dell’Asp di Cosenza Aurora De Ciancio e Nicola Mastrota. Interdetti per 6 mesi il responsabile Uos Gestione Giuridica del Personale, Fabiola Rizzuto, e il direttore dell’ Uosd Medicina Legale dell’Asp di Cosenza, Antonio Scalzo.

I nove, in occasione dell’operazione – condotta dalla Guardia di finanza il 5 febbraio scorso con l’esecuzione di divieto di dimora nei confronti di altri 6 indagati – avevano ricevuto l’invito a rendere testimonianza davanti al gip proprio in relazione alla richiesta della Procura della Repubblica di sospensione dall’esercizio di pubblico ufficio. Le accuse ipotizzate, a vario titolo, sono abuso d’ufficio, falsità materiale commessa del pubblico ufficiale in atti pubblici e falsità  ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici. I provvedimenti sono stati notificati dai finanzieri del Nucleo di Polizia economico-finanziaria di Cosenza.
“Si tratta – ha detto l’avvocato Francesco Rotundo, legale di Massimo Scura – di un provvedimento di oltre 200 pagine e certamente presenteremo ricorso al Tribunale della libertà. I commissari non hanno mai avuto il bilancio da parte del dipartimento e per questo il provvedimento mi lascia perplesso. Il mio assistito è rimasto male perché nel momento in cui ha avuto i bilanci dell’Asp li ha bocciati e al Gip abbiamo portato
il decreto con il quale Scura bocciò il bilancio 2014, per il 2015 e 2016 non gli é mai arrivato, come faceva a valutarlo? Queste pratiche non sono mai state istruite”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Catanzaro, il 1° ottobre presentazione libro di don Pino Silvestre

Matteo Brancati

Catanzaro, operaio pulisce tombini a mano: “Come in Burkina Faso”

manfredi

Viabilità, Anas: limitazioni al traffico nel Catanzarese

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content