Calabria7

Sanità, Sileri: “Fine commissariamento in Calabria? Tutto è possibile”

mascherina

“La Calabria merita particolare attenzione, come tutte le regioni che hanno avuto un commissariamento e hanno dei problema atavici e cronici”. A dirlo è stato il viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri, a margine di un dibattito sulla sanità calabrese a Lamezia Terme (Catanzaro).

Rispondendo a una domanda sulla possibile conclusione del commissariamento della sanità calabrese nelle prossime settimane, Sileri ha spiegato: “Tutto è possibile, è chiaro che dovremmo ora vedere i risultati ottenuti negli ultimi mesi. Abbiamo avuto un’emergenza, l’emergenza Covid, che ha cambiato le carte in tavole. Tuttavia, la Calabria ha risposto molto bene, soprattutto durante l’emergenza, anche se è vero che l’onda dell’epidemia non è arrivata nel Centro e nel Sud come purtroppo è avvenuto nelle regioni del Nord. Comunque, una risposta c’è stata, ovviamente diversa da area e area, ma insomma la risposta c’è stata”.

“Ora – ha sostenuto il viceministro della Salute – vediamo come dovranno essere distribuiti i finanziamenti che arriveranno in sanità. La Calabria merita particolare attenzione, come tutte le regioni che hanno avuto un commissariamento e hanno dei problema atavici e cronici che ne riducono la potenza di fuoco. Quindi, vedremo nei prossimi mesi”. Sul tema del commissariamento, Sileri ha poi ulteriormente aggiunto: “Io aspetterei di vedere i risultati, poi incontrerò il commissario non questa settimana ma quella successiva”.

Il viceministro della Salute ha quindi osservato: “Sapete quando ho a cuore la Calabria, l’ho dimostrato sin da subito facendo delle visite, poi purtroppo è arrivato il Covid che ha sparigliato le carte. La Calabria non va solo ascoltata: bisogna essere presenti. Il governo è presente, i commissari stanno lavorando bene, il fatto che io sia qui a rappresentare il governo significa che non solo siamo pronti ad ascoltare ma che dobbiamo rimboccarci le maniche e lavorare”.

“Questi ultimi mesi – ha rimarcato Sileri – hanno visto l’Italia alle prese con uno tsunami, il Covid, e le cose sono cambiate, e purtroppo abbiamo avuto 35mila morti. Ma l’opportunità che deriva dal Covid, i soldi che arriveranno dovranno essere distribuiti sul territorio e far ripartire la sanità che negli ultimi 10 anni ha subito troppi tagli. C’è chi li chiama tagli, chi sotto finanziamento, ma un risultato è certo: la sanità ha ricevuto 30-35 miliardi in meno del necessario negli ultimi 10 anni”.

Redazione Calabria 7

 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Centro di Neurogenetica, comitato spontaneo familiari si organizza

manfredi

6 ambulanze su 14 senza medici nel Catanzarese, Codacons invita sindaci alla protesta

Antonio Battaglia

Manifestazione ospedale Castrovillari, Ferro accanto ai cittadini

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content