Sanremo, alla calabrese Loredana Bertè il “Premio della Critica” realizzato da Michele Affidato

Il trofeo consiste in una scultura galvanizzata in oro e argento, realizzata dal maestro orafo di Crotone che, da 40 anni, crea i premi speciali del Festival

È stata la cantautrice Loredana Bertè a vincere il “Premio della Critica”, intitolato proprio all’adorata sorella, nel corso della 74ª edizione del Festival della Canzone Italiana. Il brano “Pazza” ha conquistato le radio, il pubblico e anche il Premio della Critica, raccogliendo 54 preferenze da parte dei giornalisti accreditati. Dietro, con ampio margine, i brani di Fiorella Mannoia, che ha raccolto 16 voti e di Diodato, 15.

Il premio della Critica Mia Martini, inizialmente nato solo come premio della Critica del Festival della Canzone Italiana, ideato nel 1982 dai giornalisti Giò Alajmo, Cristina Berretta e Santo Strati, nasce come riconoscimento informale assegnato dalla stampa specializzata in sala alla canzone e all’interprete che riscuotesse un giudizio positivo di qualità per addetti ai lavori. Dal 1983 venne istituzionalizzato trasformandolo in uno dei premi conferiti nel corso del Festival, e dal 1996 in poi il premio è stato poi intitolato a Mia Martini morta l’anno precedente.

La scultura creata da Michele Affidato

Questo omaggio venne pensato proprio perché la grande Mimì era stata più volte insignita del riconoscimento, ed inoltre era stata la prima in assoluto a ricevere questo Premio. Una emozionatissima Loredana Bertè ha dunque ricevuto la scultura ideata e creata da Michele Affidato, di Crotone, che da anni realizza questo ambito riconoscimento. Il premio consiste in una scultura galvanizzata in oro e argento ed è composta da un leone che si appoggia ad una chiave di violino, con alla base una composizione di fiori in argento, dove sono state incastonate pietre di topazi azzurri.

Vittoria dedicata alla sorella

La Bertè ha dedicato la vittoria alla sorella e a tutte le donne, alle quali è rivolto il brano. Un cerchio che si chiude ed una piccola rivincita personale, carica di significato, per un’artista ed un brano che racconta in chiave rock la libertà di essere sé stessi nel bene e nel male. Ma il maestro orafo Michele Affidato, che da 14 anni crea i premi speciali del Festival, non realizza solo il “Premio della Critica – Mia Martini”, ma tanti altri che vengono assegnati ai grandi artisti ed interpreti del Festival della Canzone Italiana.

“Ho sempre sperato – commenta Michele Affidato – che il Premio della Critica, in qualche edizione del Festival lo potesse vincere Loredana Berté, premio che nelle scorse edizioni aveva solo sfiorato, e tanto desiderato. Finalmente è arrivato ed è stato bello vedere la Bertè che durante la consegna, con tanta gioia ha detto: “questo premio mi è sempre sembrato irraggiungibile, Mimì l’abbiamo portato a casa!”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Sempre oggi, in un altro cantiere, si è verificato un incidente in cui due giovani operai sono rimasti gravemente feriti per il crollo di un tetto
"Ad un anno dalla strage - scrive Rete 26 febbraio - non è stato ancora garantito loro il diritto alla verità e alla giustizia e di potersi ricongiungere con le rispettive famiglie"
L'auto fotografata nella mattinata di sabato in sosta nell’area pedonale antistante palazzo Gagliardi, in pieno centro storico
Le borse saranno assegnate ad allievi dai 12 ai 17 anni tramite una lezione-audizione gratuita che si terrà a Cosenza. Ecco come partecipare
Da Ama Calabria grande attenzione per avvicinare i giovani al teatro, con un matinée dedicato alle scuole a Lamezia Terme
Solo negli ultimi due giorni almeno due segnalazioni nel Capoluogo, ma i casi vanno avanti con sempre maggior frequenza in tutta la regione
Giudizio immediato per Figorilli. Sotto inchiesta anche il padre nei cui confronti la Procura procede separatamente
Qualche problema potrebbero averlo alcuni test diagnostici che non sarebbero in grado di identificare correttamente il virus
Lo ha proclamato il sindacato Conapo. "Il nostro è un grido di allarme verso chi, al Ministero dell’Interno, si dimentica troppo spesso della nostra categoria"
La donna inizialmente non si trovava, ma in realtà si era rifugiata in una zona dell'abitazione non toccata dalle fiamme
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved