Calabria7

Sant’Anna Hospital, il focus di “Titolo V” sul reparto fantasma di terapia intensiva (VIDEO)

sant'anni hospital Catanzaro

(a.b.) – Il Sant’Anna Hospital di Catanzaro è una struttura sanitaria molto nota in Calabria e centro di riferimento regionale di alta specialità per il trattamento e la cura delle malattie cardiovascolari. Nel 2013, la clinica comunica di aver attivato un reparto Utic (unità di terapia intensiva coronarica destinata al trattamento delle patologie cardiache acute) e fino al 2019 addebita all’Asp mille ricoveri. La Guardia di Finanza, però, scopre che questo reparto non esiste.

L’inviato della trasmissione Titolo V, in onda su Rai 3, fa il suo ingresso nei locali incriminati e mostra monitor spenti, un paziente disteso sul letto senza assistenza e strumenti sanitari. Nonostante ciò, il Sant’Anna avrebbe comunque incassato dal Servizio sanitario nazionale rimborsi per oltre 10 milioni e mezzo di euro.

Il giornalista Walter Molino si rivolge a un ex dipendente della clinica, che svela cose sconcertanti: “Hanno spostato pazienti in una stanza vuota, ma non hanno avuto il tempo di fare la messinscena. E’ stata minacciata anche della gente”. Medici e personale sanitario hanno confermato che il reparto esisteva solo sulla carta, ma Antonio Soccorso Capomolla, attuale direttore sanitario della clinica, non ne sa nulla. Anzi, afferma chiaramente che “noi sapevamo ci fosse”. Un altro, l’ennesimo, incredibile scandalo della sanità calabrese.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Coronavirus, Confindustria Catanzaro lavora a sostegno delle imprese

Mirko

Lamezia Terme, gestione di rifiuti illecita: 2 denunce

Andrea Marino

Arpacal, parte monitoraggio gas radon a Sersale

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content