Calabria7

Sant’Anna Hospital, il Cda smentisce il sindaco Abramo

“Sulla vicenda del Sant’Anna Hospital ho letto e accolto le preoccupazioni e gli sfoghi, legittimi, di tante persone. Voglio fare un po’ di chiarezza. Mi rendo conto che il lavoro fatto finora nel tentativo di salvare l’importante presidio sanitario non è emerso, ma non per questo vuol dire che me ne sia disinteressato. Tutt’altro. Quest’estate ho incontrato la proprietà mettendo in piedi, insieme all’Asp, un progetto per cercare di far “sopravvivere” questa eccellenza. Il progetto, deliberato dall’Asp, è stato presentato alla Regione che adesso dovrà decidere in che modo muoversi per tentare di salvare la clinica, tenuto anche conto che bisognerà risolvere il problema delle prestazioni erogate nel 2020 nonostante l’assenza della convenzione per la stessa annualità”. Lo scrive in un post su facebook il sindaco Sergio Abramo. “Inoltre, il presidente facente funzioni della Regione, Nino Spirlì, ha ribadito la sua ferma volontà di occuparsi della vicenda, coinvolgendo la direzione del dipartimento regionale alla Sanità, cosa che ho fatto anche personalmente. Durante i miei mandati da sindaco ho affrontato con estremo interesse anche questioni molto meno importanti di quella del Sant’Anna. Preferisco – conclude – evitare proclami e dare riscontri, possibilmente, sugli obiettivi che speriamo possano essere raggiunti”.

La risposta del Sant’Anna

“Il CdA di Villa Sant’Anna S.p.A., alla luce delle dichiarazioni rese dal sindaco di Catanzaro Sergio Abramo, a mezzo facebook ,al fine di fare chiarezza in una fase così delicata dell’interlocuzione istituzionale, nella convinzione dei buoni auspici del sindaco Abramo, comunica che dall’esame della documentazione agli atti della Società non risulta alcun ”progetto per far sopravvivere questa eccellenza”. La Società non ha riscontro dell’attività svolta dal sindaco Abramo già da quest’estate, e finalizzata ad un non meglio definito progetto deliberato dall’Asp”. Così in una nota il consiglio di amministrazione della struttura catanzarese.

“Se quanto affermato dal sindaco attiene all’atto “ Piano triennale delle performance” emanato il 7 dicembre 2020,dall’ASP di Catanzaro, che prevede un’ipotetica sperimentazione pubblico-privato tra l’Ospedale di Lamezia Terme  ed il S.Anna Hospital esclusivamente per la cardiochirurgia, si precisa – conclude la nota che la Direzione Sanitaria a seguito di quanto pubblicato, ha tempestivamente richiesto, con pec inviata il 23 dicembre 2020, considerata l’irritualità del progetto, un incontro urgente con la direzione sanitaria dell’Asp di Catanzaro al quale ad oggi non si è avuto alcun riscontro”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Caristo: “Il Pd deve ripartire dalla democrazia dei suoi elettori”

Matteo Brancati

Basso Profilo, Gratteri: “Ecco il patto tra ‘ndrangheta, imprenditoria e politica”

Damiana Riverso

Atletica, si corre a Girifalco in memoria dei caduti di Monte Covello

nico de luca
Click to Hide Advanced Floating Content