Calabria7

Sbarco a Roccella, convalidato arresto dei due presunti scafisti

Di Vincenzo Imperitura

Restano in carcere i due presunti scafisti arrestati dagli uomini della Guardia di Finanza di Roccella Jonica nelle ore immediatamente successive allo sbarco del 22 luglio. Il Gip del tribunale di Locri ne ha infatti convalidato l’arresto, accogliendo la richiesta del sostituto procuratore Marzia Currao che ipotizza per entrambi il reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. I due uomini, entrambi di nazionalità russa, erano stati rintracciati dalle forze dell’ordine nel tratto di lungomare a sud del porto mentre tentavano di mischiarsi alla cinquantina di disperati arrivati sullo Jonio reggino a bordo un veliero battente bandiera tedesca. Gli inquirenti sono arrivati all’identificazione dei due scafisti anche grazie alle dichiarazioni di molti del migranti che hanno raccontato di come ci fossero proprio i due cittadini russi alla guida della barca di 10 metri spiaggiata sotto i ruderi del castello dei Carafa.

A nulla sono servite le giustificazioni portate avanti dagli indagati che, davanti al giudice per le udienze preliminari, hanno sostenuto di essere a loro volta migranti e di avere pagato 500 dollari a testa per la traversate che dalle coste della Turchia ha portato l’ennesimo gruppo di disperati fino alle coste del basso Jonio: una giustificazione che non ha convinto il Gip. Gli oltre 50 immigrati sono sbarcati a Roccella su una rotta che si ripropone sempre identica a se stessa da quasi un ventennio: una rotta che, è bene ricordarlo, è tutt’altra cosa da quella utilizzata dai disperati in fuga dai lager libici che, attraverso il canale di Sicilia, tenta di raggiungere le coste del sud Europa.

Buona parte del gruppo arrivato lunedì scorso – tra loro anche sei bambini, quasi tutti di etnia curda e in fuga da Iran e Iraq, prima a piedi fino alle coste della Turchia, poi ammassati sottocoperta per una settimana fino alle sponde calabresi – sono stati trasferiti nel Cara di Crotone.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Incendi in Calabria, Salvini in Aspromonte: annullata inaugurazione sede Lega a Rosarno

Mirko

’Ndrangheta, muore in carcere Mario Coco Trovato: era il fratello minore del boss Franco

Antonio Battaglia

Tragico incidente sulla statale 280, un morto e un ferito

Damiana Riverso
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content