Calabria7

Sbarco di migranti a Seminara, soccorsi e condotti a Bagnara Calabra (VIDEO)

https://youtube.com/shorts/gYAsQ12q7Ws?feature=share

Carabinieri, Polizia e Capitaneria di Porto, lavorando in stretta sinergia e coordinati dalla Prefettura di Reggio Calabria, sono riusciti a mettere in salvo 49 migrantiSeminara, individuati dopo attente e incessanti ricerche sulla spiaggia di Cala Janculla.

I fatti

L’evento migratorio risale a ieri 21 ottobre quando, alle ore 23, era dapprima giunta una telefonata d’emergenza alla centrale operativa dei carabinieri di Reggio da un satellitare, nel corso della quale l’interlocutore, in lingua inglese, aveva preannunciato lo sbarco di circa 50 migranti, nella citata località, la cui spiaggia situata sul limite più esposto della costa tirrenica di Seminara e sormontata alle spalle dal monte Sant’ Elia, non risulta raggiungibile via terra.

Informata la sala operativa della capitaneria di porto, si è subito dato avvio alle ricerche finalizzate al recupero dei migranti, a mezzo natanti, nel corso delle quali fondamentale per la riuscita delle operazioni in totale sicurezza si è mostrato l’impiego congiunto di personale dell’ 8° Nucleo elicotteri Carabinieri di Vibo che ha illuminato la zona delle operazioni a beneficio dei natanti della Capitaneria di Porto, giunti con due gommoni che hanno consentito il trasbordo dei migrati dapprima verso una motovedetta e, successivamente, verso Bagnara Calabra.

I mezzi navali della Capitaneria, intervenuti da Gioia Tauro e da Reggio, hanno proceduto a recuperare due drappelli di stranieri, rintracciati grazie all’elicottero dell’Arma, i quali avevano tentato di inerpicarsi per le impervie scogliere della costa viola. I migranti, in buono stato di salute, sono staati trasferiti al porto di Bagnara. Qui, il Comune, ha immediatamente messo a disposizione un presidio temporaneo di accoglienza. Ancora una volta, il fenomeno degli sbarchi che caratterizza le coste reggine non coglie impreparato il collaudato sistema di accoglienza coordinato dal prefetto Mariani che, mai come questa volta, ha beneficato dell’apporto congiunto di tutte le Forze di Polizia.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Rompe un dente perché bullizzato, Cassazione dà ragione a ragazzino calabrese

Matteo Brancati

Sanità, chiusura Ortopedia: Comune Locri ricorre al Tar

Mirko

Serie B, Folorunsho salva una Reggina double-face: al “Teghil” finisce 2-2

Antonio Battaglia
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content