Calabria7

Sbarco nel Reggino, fermati due scafisti

Migranti: sbarco in Calabria

Due cittadini ucraini, K.A., 27 anni, e B.A., di 26, sono fermati con l’accusa di associazione per delinquere finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Sarebbero gli scafisti dell’imbarcazione giunta sulla costa ionica reggina nella serata di ieri, all’altezza di Brancaleone.

A bordo del veliero, 43 cittadini extracomunitari fra i quali gli scafisti. Mentre scattavano i servizi interforze diretti dalla Questura, era stato segnalato un cittadino iracheno che, approdato sulla costa, tentava di allontanarsi dalla spiaggia. Rintracciato dal dispositivo di sicurezza è emerso che l’uomo si era allontanato dal veliero a bordo di un gommone unitamente a due cittadini dell’est Europa, presumibilmente gli scafisti. Contemporaneamente, una motovedetta della Guardia Costiera ha abbordato il veliero, in evidente difficoltà a causa del mare grosso, è l’ha guidato verso il porto di Roccella Ionica.

Le ricerche degli scafisti hanno dato esito positivo nel corso della nottata quando i carabinieri della compagnia di Bianco hanno rintracciato i due ricercati in un esercizio commerciale di Bianco e li hanno messi a disposizione degli agenti della Squadra Mobile e del Commissariato di Siderno. L’attività investigativa è stata coordinata dalla Procura della Repubblica di Locri. Secondo le direttive della Prefettura di Reggio Calabria, 41 extracomunitari di origine curda, irachena e iraniana, sono stati trasferiti presso vari Comuni della Regione. Tra i cittadini iracheni ed iraniani sbarcati dall’imbarcazione a vela, che si presume provenisse dalla Turchia, sono stati identificati 3 donne e 8 minori.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Inidoneità al consumo, sequestrati 815 chili di kebab nel Catanzarese

Mirko

Auto finisce contro un muro, morta 51enne

Matteo Brancati

Terremoto, nuova scossa registrata nel mar Ionio calabrese

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content