Scarcerato il presunto boss di Tropea, è imputato in “Rinascita-Scott”

Il Tribunale ha disposto per Francesco La Rosa l'obbligo di dimora nel Comune di Latina. Era detenuto a Siracusa dal dicembre 2019
rinascita scott

Avrà l’obbligo di rimanere nel Comune di Latina e di non allontanarsi dal proprio domicilio dalle 21 alle 7 il presunto boss di Tropea Francesco La Rosa, 50 anni, attualmente imputato nel maxi-processo “Rinascita-Scott“. La Rosa ha lasciato il carcere per decisione del Tribunale collegiale di Vibo Valentia che, a seguito delle relazioni sanitarie provenienti dal penitenziario di Siracusa, aveva disposto un accertamento da parte di un perito che, pur attestando la compatibilità carceraria, ha al contempo ravvisato la necessità che La Rosa venisse trasferito in una struttura penitenziaria vocata al confronto con le problematiche psichiatriche e tossicologiche. Non avendo il Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria individuato una struttura idonea ad assicurargli questo trattamento il Tribunale ha accolto l’istanza difensiva della scarcerazione disponendo l’obbligo di dimora a Latina. Il presunto boss di Tropea era detenuto dal 19 dicembre 2019 ed è imputato in “Rinascita” per associazione mafiosa e violenza privata aggravata dalle modalità mafiose.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
Il gup nelle motivazioni della sentenza: "era a conoscenza dei rapporti tra 'ndrangheta e servizi segreti"
I genitori hanno scoperto casualmente un anno fa della malattia del figlio, dopo una serie di accertamenti
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved