Calabria7

“Morite scimmie calabresi”, indigna il filmato dei tifosi vicentini su Youtube (VIDEO)

cosenza vicenza

“Scimmie calabresi, lavatevi che puzzate, morite terroni di me***”. Queste alcune delle vergognose frasi pronunciate da un tifoso del Vicenza durante lo spareggio con il Cosenza (LEGGI) – disputatosi la sera di giovedì 12 maggio – in un video caricato su Youtube (GUARDA). Il primo atto dei play-out per rimanere nella Serie cadetta del campionato di calcio era andato ai veneti. In uno stadio “Menti” infuocato, infatti, il Cosenza era stato costretto a capitolare nei minuti di recupero punito dal gol dell’ex giocatore del Napoli, Christian Maggio. La salvezza, ad ogni modo, si deciderà venerdì 20 sul terreno del San Vito di Cosenza. I veneti hanno a disposizione due risultati su tre per restare in Serie B ma, lo stadio bruzio si preannuncia infuocato. Nel frattempo, notizia di pochi minuti fa, il video è passato dalla modalità pubblica a quella privata.

Discriminazione territoriale

Adirato – e non poco – il presidente dell’associazione Legalità Democratica, l’avvocato Maximiliano Granata. “In queste ore sta circolando un video su Youtube della partita Vicenza-Cosenza, dal titolo “Scimmie calabresi”, dove un tifoso del Vicenza – ancora da identificare – incita alla violenza con un filmato che riporta frasi del tenore “ricacciamoli in Africa, bomba in Calabria, la Calabria è mafia”. Il legale denuncia la discriminazione territoriale nei confronti di Cosenza e della Calabria intera.

“Tolleranza zero”

“Ritengo – scrive ancora Maximiliano Granata – che la Procura della Repubblica di Vicenza, dopo aver acquisto il video che sta diventando virale e sta suscitando l’indignazione dei cittadini calabresi e cosentini, proceda celermente, per verificare se sussistono fatti previsti dalla legge come reato e nello specifico se sussiste la violazione dell’articolo 414 del Codice penale, istigazione a delinquere. Valuteremo l’opportunità di presentare un esposto denuncia argomentato da inviare al procuratore della Repubblica di Vicenza e per conoscenza al ministero della Giustizia, descrivendo quello che è avvenuto. Questi fatti non possono essere assolutamente tollerati”. Il passo dai social al tribunale è breve, si attendono risvolti in merito.

LEGGI ANCHE | Fotografo bullizzato da uno steward allo stadio San Vito di Cosenza

 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Comune Catanzaro, Bosco duro con il consiglio comunale (VIDEO)

manfredi

Lametino arrestato a Roma, suocero ingoia cocaina durante perquisizione e finisce in ospedale

Maria Teresa Improta

Vaga sulla Statale 18 dopo aver lasciato volontariamente l’ospedale, Polizia lo salva

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content