Sciopero dei benzinai a “macchia di leopardo” in Calabria: scarsa adesione, ma i prezzi aumentano

Nel territorio regionale, infatti, sono molte le strutture regolarmente aperte
sciopero benzinai calabria

Sciopero dei benzinai a “macchia di leopardo” in Calabria. Da ieri sera i distributori di carburante dovrebbero essere chiusi per aderire allo sciopero indetto dalle organizzazioni sindacali, ma sono molte le strutture regolarmente aperte. Quello che si registra è, invece, un nuovo aumento dei prezzi. Diesel e benzina hanno superato 1,9 euro litro, poco di più di quanto si pagava prima dello sciopero. Tra i disagi maggiori, c’è quello relativo all’approvvigionamento, considerato che sono segnalati distributori con cartelli che evidenziano l’esaurimento del carburante a causa della corsa al pieno scattata dopo l’annuncio dello sciopero. Stamani i disagi appaiono, dunque, minori rispetto al previsto e gli automobilisti non sembrano avere risentito dello sciopero che avrebbe potuto paralizzare la circolazione.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Interrogatorio di garanzia davanti al gip di Vibo. Ha risposto a tutte le domande l’ex direttrice amministrativa Valentina Amaddeo. Prodotta una memoria difensiva
L'ordinanza sulla sicurezza dei bagnanti comprende i Comuni da Simeri Crichi a Monasterace fino alla foce del torrente Assi
Ne dà notizia in una nota l'ateneo, spiegando che le circostanze della morte dell'avvocato e giurista "sono in corso di accertamento"
Del caso si sta occupando la Squadra Mobile. Sul luogo dell'agguato la polizia scientifica ha recuperato ben 5 bossoli
Sul posto oltre 15 unità dei vigili del fuoco che hanno lavorato per oltre un'ora nello spegnimento delle fiamme. Al via le operazioni per risalire alle cause del rogo
Sarà attivo il servizio sostitutivo via bus ma non si escludono disagi dal momento che l'intervento avviene nel periodo estivo
Avrebbero causato danni per circa mezzo milione di euro tra furto di energia elettrica e danneggiamenti ai contatori Enel
Secondo le ipotesi accusatorie avrebbero falsamente dichiarato un reddito inferiore rispetto alal soglia minima richiesta per legge
garbino
Ci sono anche due avvocati coinvolti nell'inchiesta della Dda di Catanzaro, nome in codice Garbino
Le armi vendute alle più importanti cosche calabresi, dai Giampà di Lamezia, agli Arena di Isola, ai Mancuso di Limbadi
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved