Scontri nel post-derby Cosenza-Catanzaro, ecco chi sono gli otto tifosi giallorossi arrestati (NOMI)

Le indagini non sono finite e si punta a identificare tutti coloro che sono stati coinvolti negli incidenti. Pioggia di Daspo in arrivo per entrambe le tifoserie

Sono otto, tutti di Catanzaro, tutti tifosi giallorossi. A viario titolo rispondono di lesioni aggravate in relazione alle ferite riportate dagli agenti rimasti contusi negli scontri, violenza privata, lancio di oggetti atti ad offendere, danneggiamento ma anche devastazione e saccheggio, due reati che prevedono persino l’ergastolo come pena massima. E’ quanto per assurdo rischiano le otto persone arrestate e poste ai domiciliari dalla Polizia dopo agli incidenti scoppiati domenica scorsa nel post-derby tra il Cosenza e il Catanzaro.

I nomi degli otto arrestati

I nomi degli otto arrestati

Gli arresti sono stati eseguiti, in flagranza differita, dalla Squadra mobile e dalla Digos di Cosenza, in collaborazione con la Questura di Catanzaro e con il coordinamento delle Procure della Repubblica delle due città. La misura cautelare è stata notificata a Chris Squillacioti, 31 anni; Tommaso Trapasso, 29 anni; Danilo Barbagallo, 39 anni; Domenico Rotundo, 36 anni; Emanuel Rosario Giampà, 32 anni; Gianluca Bianco, 48 anni; Cristian Marco Lombardo, 43 anni; e Antonio Trapasso, 43 anni, tutti residenti a Catanzaro e nei comuni limitrofi.

Le indagini proseguono per identificare tutti i tifosi coinvolti

Gli arresti sono stati eseguiti sulla base delle risultanze delle indagini che hanno portato all’identificazione da parte della Polizia scientifica della Questura di Cosenza dei tifosi del Catanzaro coinvolti negli incidenti. Identificazione basata sull’esame delle immagini registrate dalle telecamere del sistema di videosorveglianza. Agli arrestati vengono contestati anche i reati di violenza e resistenza a pubblico ufficiale, lancio di materiale pirotecnico e porto di armi e materiale atto ad offendere. Le indagini della polizia proseguono per ricostruire in ogni dettaglio la dinamica degli incidenti ed identificare tutti i tifosi coinvolti, compresi quelli cosentini che hanno scatenato – anche se questa versione non è stata misteriosamente ancora confermata dalla Questura di Cosenza – i disordini andati in scena nel dopo partita mentre il serpentone di pullman con a bordo i tifosi del Catanzaro stava per imboccare l’autostrada.

Pioggia di Daspo in arrivo

Fonti qualificati preannunciano una pioggia di Daspo che potrebbe colpire entrambe le tifoserie. Lo stadio San Vito-Marulla è infatti dotato, come tutti gli impianti di Serie B, di un sofisticato sistema di videosorveglianza attraverso il quale non è complicato identificare tutti coloro che si sono resi protagonisti di lanci di petardi, fumogeni, pietre e altro materiale in campo o da un settore a un altro. Si attendono sviluppi nella speranza che si faccia piena luce su quanto accaduto individuando tutti i responsabili senza sconto ad alcuno. (mi.fa.)

LEGGI ANCHE | Scontri, disordini e tafferugli nel derby Cosenza-Catanzaro: arrestati otto tifosi giallorossi

LEGGI ANCHE | Derby di Calabria con stangata del giudice sportivo: 15mila euro di multa al Cosenza, 12mila al Catanzaro

LEGGI ANCHE | Cosenza-Catanzaro dalla guerriglia alla caciara: quando il politico fa l’ultrà e non condanna la violenza
   

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Messa in sicurezza l’area, è stato chiuso al traffico il tratto interessato dal rogo per il tempo necessario alle operazioni di spegnimento
Il governatore: "La nostra terra ha vitigni eccellenti e tante piccole cantine"
Ordinato sacerdote nel 1936 fu membro per sedici anni della Compagnia di Gesù, insegnando filosofia e teologia
Sul posto il personale medico del 118 ed i carabinieri per i rilievi del caso, assieme a squadre dell'Anas
Le osservazioni in vista della conferenza di impatto ambientale
L'aspirante primo cittadino parla anche delle "condizioni disagevoli per l’erogazione delle prestazioni" e del "sovraccarico di lavoro"
Il più grande festival della regione, dall’anima itinerante e dal respiro internazionale, sarà inaugurato lunedì 15 aprile
Intanto il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, è in contatto con i prefetti delle città italiane
L'uomo non ha saputo specificare la provenienza del denaro che per gli investigatori sarebbe frutto di illeciti
Un evento che ha riunito i congregari presenti, finalizzato all’approvazione dei documenti contabili dell'associazione
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved