Calabria7

Scoperta cava di inerti abusiva nel Reggino, scattano i sigilli all’impianto

Varapodio

I Carabinieri forestali di Cittanova, su mandato della Procura della Repubblica di Palmi, hanno sequestrato, nel comune di Varapodio – in provincia di Reggio Calabria -, gli impianti e gli automezzi al servizio di una cava ed un impianto di lavorazione di materiale inerte per l’edilizia. L’operazione scaturisce dai controlli effettuati su due autocarri al servizio dell’impresa ed utilizzati per il trasporto dei materiali di cava che, secondo gli accertamenti dei militari, risulterebbero privi di copertura assicurativa e delle prescritte revisioni periodiche.

I reati ambientali

Estendendo i controlli agli impianti di lavorazione è emerso che la ditta, salve le verifiche nei vari gradi di giudizio, risulterebbe priva della prevista Autorizzazione Unica Ambientale, situazione che ha richiesto il sequestro preventivo degli impianti ed il deferimento all’autorità giudiziaria del rappresentante legale, che dovrà rispondere di una serie di reati ambientali aggravati dalla recidiva. Continua l’azione dei Carabinieri Forestali in difesa del territorio e dell’ambiente, a cui i cittadini possono dare il proprio contributo segnalando al 1515, numero di emergenza ambientale, ogni potenziale illegalità.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Bausone: “Plauso ai Carabinieri per l’operazione Sex Home”

Matteo Brancati

Fotografa la scheda con il voto, donna denunciata nel Vibonese

Maurizio Santoro

La Cassazione ribalta la sentenza sull’ineleggibilità di Trifoli: servirà un nuovo Appello

Sergio Pelaia
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content