Scoperta nella Piana di Gioia Tauro piantagione di marijuana

Duecentocinquanta le piante di marijuana erano state coltivate una zona scoscesa e difficile da raggiungere. Presenti anche alcune cisterne per l’irrigazione

Il caldo africano dell’ultimo periodo non ferma i coltivatori di marijuana che, approfittando del terreno notoriamente fertile e irrigato della Piana di Gioia Tauro, continuano ad adibire zone impervie a piantagioni di “erba”: parimenti, non si ferma l’azione incessante di controllo dei Carabinieri. Ed infatti proprio i carabinieri della Stazione di Rizziconi, con l’ormai costante e collaudato supporto dei colleghi dello Squadrone Eliportato Cacciatori Calabria, hanno svolto l’ennesimo intervento di individuazione e distruzione di una piantagione, questa volta in una frazione del paese.

Marijuana nascosta in una zona scoscesa

Marijuana nascosta in una zona scoscesa

In particolare, in contrada Drosi, proprio dopo un’approfondita perlustrazione, i carabinieri hanno scoperto una zona adibita a coltivazione di circa 250 piante di marijuana, situata in area scoscesa e difficile da raggiungere. Nella zona, presenti anche alcune cisterne per l’irrigazione. Le piante, di altezza variabile tra 0,5 e 1,80 metri, una volta cresciute, estirpate, essiccate, triturate e vendute al dettaglio, avrebbero potuto fruttare diverse migliaia di euro, alimentando un sempre florido mercato illegale, spesso gestito dalla criminalità organizzata, che vede il territorio reggino come un importante luogo di produzione.

Il blitz dei carabinieri

I militari di Rizziconi, coadiuvati dai colleghi “cacciatori”, hanno provveduto ad estirpare ogni pianta, campionandone una parte e provvedendo, sul posto, alla distruzione della restante. Sono in corso accertamenti info-investigativi per l’identificazione degli autori della piantagione.   L’intervento rientra nell’incessante lotta alle piantagioni posta in essere dai Carabinieri del Gruppo di Gioia Tauro: dall’inizio dell’estate, nei territori delle tre Compagnie carabinieri di Gioia Tauro, Palmi e Taurianova, sono stati effettuati tre arresti, rinvenute e distrutte quasi 6000 piante, a conferma di come questo business illegale, necessiti di una vigilanza e contrasto costanti da parte dei militari dell’Arma.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Il professore ha ottenuto 64 preferenze su 72 voti validi. Resterà alla guida del DISPeS fino al 31 ottobre 2025
storie
Il cognome sembra francese ma egli era italianissimo, meglio: calabresissimo. E' infatti nato a Mongiana
Nell'ordinanza vergata dal gip distrettuale i ruoli del capo, dei partecipi e degli uomini di fiducia all'interno dell'associazione
L'invito per esercitare il diritto di voto reagendo alla tentazione della rassegnazione e dell'astensionismo"
Sul posto anche i Carabinieri forestali e volontari della zona. Non si avevano notizie dalla sera dello scorso 15 maggio
Alla conferenza stampa ha partecipato il sottosegretario al Lavoro e politiche sociali ed esponente leghista Claudio Durigon 
La Questura, oltre ai consueti servizi di ordine e sicurezza pubblica, ha predisposto specifiche attività di prevenzione
Il sindacato di Polizia auspica anche risarcimenti economici per i danni causati agli agenti e ai mezzi dello Stato
La cerimonia di consegna dell'importante benemerenza, da parte del Sindaco Franz Caruso, venerdì 24 maggio a Palazzo dei Bruzi
Si è anche proceduto agli ulteriori adempimenti previsti dall’iter, a cominciare dal collaudo delle strutture
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved