Calabria7

Scoperto in Calabria uno dei più grandi complessi vulcanici sottomarini

Individuato a soli 15 km dalla costa tirrenica calabrese uno dei più grandi complessi vulcanici sottomarini italiani.

Tale complesso vulcanico, costituito dai vulcani Diamante, Enotrio e Ovidio, si sarebbe formato nell’arco degli ultimi 780.000 anni e si sarebbe sviluppato dalla fusione di materiale proveniente dal mantello lungo e, in particolare, da una profonda frattura della crosta terrestre.

“L’evoluzione geologica del Mediterraneo occidentale durante l’era Cenozoica è stata controllata principalmente dalla dinamica della placca adriatico-ionica in scorrimento (cd. subduzione) al di sotto della placca euro-asiatica”, spiega Riccardo De Ritis, ricercatore dell’INGV.

Il complesso vulcanico individuato nel Mar Tirreno è stato suddiviso in due porzioni. Una parte occidentale, più distante dalla costa, i cui edifici vulcanici presentano una morfologia accidentata e deformata da strutture tettoniche.  La parte orientale, più vicina alla costa, presenta invece edifici vulcanici arrotondati dalla sommità pianeggiante, causata dall’interazione tra vulcanismo e variazioni del livello del mare che ha generato nel tempo cicli di erosione e sedimentazione”, De Ritis conclude: “La nostra ricerca getta nuova luce sull’esistenza di importanti complessi vulcanici sul fondale marino a distanze dalla costa decisamente inferiori a quanto non si conoscesse in precedenza”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Castrovillari, un pezzo di Bolivia all’Estate Internazionale del Folklore

Mirko

Italia Viva in Calabria, arriva Rosato che come il vino è una via di mezzo fra bianchi e rossi

Danilo Colacino

Nuovo “vax day” nel Cosentino. Previste quattro giornate straordinarie

Damiana Riverso
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content