22 Aprile 2019
Calabria7

Scorie interrate: così Crotone convive, si ammala e muore [SPECIALE TV]

Fino a qualche decennio fa i termini Pertusola ed Eni – qui a Crotone ed in tutta la Calabria – erano sinonimo di sviluppo economico, di crescita industriale.

Oggi insieme alle parole Syndial, cubilot, CIC e rifiuti tossici sono tristemente noti e addirittura famigerati per chi abita in città.

Scuole, caserme, palazzine sono state costruite e inquinate con materiale velenoso e la bonifica pretende soldi, tempo e vite umane.
Ma quando qualcuno, i cittadini, i parenti delle vittime tentano di esportare il problema sulle scrivanie istituzionali i risultati fino ad ora sono stati sempre deprimenti

Calabria7 è stata sui luoghi dei misfatti raccogliendo la testimonianza di chi contro tutto e contro molti combatte per affermare la salubrità di un territorio assassinato dal sogno impossibile dello sviluppo industriale

redazione calabria 7

Articoli Correlati

Crollo sulla 106 a Germaneto, il Codacons parte civile

Gabriella Passariello

Lavori su edificio sequestrato, una denuncia nel Crotonese

Matteo Brancati

Oltraggiò un magistrato in aula, salvato dalla prescrizione

Gabriella Passariello