Scuola, il Fronte della Gioventù cosentino lamenta gravi carenze negli istituti

coronavirus dad

Azione di protesta del Fronte della Gioventù Comunista in vari istituti di Cosenza “per denunciare le gravi carenze degli istituti nel garantire le misure anticontagio”. «Nonostante i mesi di chiusura degli istituti e un alto rischio di un rapido aumento dei contagi, il rientro a scuola in sicurezza promesso dal premier Conte e dalla Ministra Azzolina non esiste. Nel pieno della seconda ondata di Covid-19, siamo costretti a rischiare il contagio in classi pollaio, in edifici inadeguati già prima della pandemia, con carenza di personale scolastico per via degli errori commessi da ministero sulle supplenze» afferma Eugenio De Fazio, responsabile scuola del Fgc Cosenza, che prosegue: «L’anno scolastico per gli studenti cosentini si prospetta tragico già in partenza, con il rischio che le nostre scuole si trasformino in focolai».

Non solo la sicurezza preoccupa studenti, personale scolastico e genitori, ma anche la mancanza di strumenti per seguire le lezioni a distanza in caso di nuovo lockdown. Sempre De Fazio afferma: «oltre il 40% degli studenti calabresi è sprovvisto di tablet e computer, di una connessione internet stabile per poter seguire le lezioni online in caso di nuovo lockdown, nonostante le promesse delle istituzioni. In questo modo si escludono dal diritto allo studio migliaia di studenti per ragioni economiche ed è inaccettabile!». I soldi spesi per le scuole – conclude – sono briciole in confronto agli aiuti per le grandi imprese, aiuti che proseguiranno nei prossimi mesi. Non abbiamo intenzione di rischiare la nostra salute e quella dei nostri cari, per questo il 9 ottobre scenderemo in piazza per rivendicare finanziamenti per l’istruzione; finora non ci hanno ascoltati, ma ora, con il rischio che le nostre classi diventino focolai non possono ignorarci».

Non solo la sicurezza preoccupa studenti, personale scolastico e genitori, ma anche la mancanza di strumenti per seguire le lezioni a distanza in caso di nuovo lockdown. Sempre De Fazio afferma: «oltre il 40% degli studenti calabresi è sprovvisto di tablet e computer, di una connessione internet stabile per poter seguire le lezioni online in caso di nuovo lockdown, nonostante le promesse delle istituzioni. In questo modo si escludono dal diritto allo studio migliaia di studenti per ragioni economiche ed è inaccettabile!». I soldi spesi per le scuole – conclude – sono briciole in confronto agli aiuti per le grandi imprese, aiuti che proseguiranno nei prossimi mesi. Non abbiamo intenzione di rischiare la nostra salute e quella dei nostri cari, per questo il 9 ottobre scenderemo in piazza per rivendicare finanziamenti per l’istruzione; finora non ci hanno ascoltati, ma ora, con il rischio che le nostre classi diventino focolai non possono ignorarci».

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
l'inviato
L’ex sito industriale sepolto dalle erbacce e a rischio igienico- sanitario. Promessi mega progetti per rilanciare l’area diventata simbolo della decadenza del territorio
La presidente Nunzia Paese, nominerà l’avvocato nella Cabina di regia regionale con l’obiettivo di dare forza al programma del partito
A metterlo nero su bianco è il ministro dell’Interno, Matteo Piantedosi, nella richiesta per chiedere lo scioglimento 
La mostra fotografica di Pino Bertelli resterà gratuitamente aperta al pubblico fino al 31 maggio e poi gli ulteriori appuntamenti di giugno
Il garante Muglia: "E' perenne emergenza. Troppi i segnali gravi. Bisogna uscire dal circolo vizioso che esiste da un decennio"
Dalle movimentazioni scoperte sul giro di droga alle missive scritte dal dominus dal carcere: gli ulteriori dettagli dell'inchiesta della Dda
Il leader di Azione a sostegno del candidato a sindaco di Vibo Francesco Muzzopappa, ex leghista con diversi leghisti in lista
Dopo mesi di minacce e vessazioni, la vittima resosi conto dell'inganno, ha sporto querela alla Polizia Postale
L'uomo, 66 anni, era caduto nel pomeriggio di ieri in una roggia ingrossata dalle piogge. Si registrano criticità nelle province del Veneto
La Corte d'appello di Catanzaro ha confermato quasi integralmente la sentenza di primo grado che riguarda anche agenti e mediatori culturali
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved