Calabria7

Scuola in Calabria, stop ai corsi serali: sogno spezzato per 180 “studenti adulti”

bimbo positivo-alt

La voglia di riprendere un percorso di studio nonostante non si sia più adolescenti; una necessità per entrare nel mondo del lavoro o semplicemente la volontà di raggiungere una meta accantonata da giovani. Per 180 adulti di Lamezia Terme l’occasione è stata fornita dai corsi serali dell’Istituto professionale di Stato “Luigi Einaudi”, fino a quando l’Ufficio scolastico provinciale di Catanzaro ha comunicato che bisognava “tagliare” le quattro classi destinate a questi studenti per il secondo periodo didattico, lasciando una sola classe attiva. “Mancanza di fondi”, è stata la motivazione fornita alla dirigente scolastica. Eppure, il progetto era di grande valenza, puntando a formare gli adulti attraverso i percorsi di studio per i servizi socio-sanitari e per i servizi enogastronomici. Una storia che ha dell’inverosimile, con l’unica classe autorizzata che potrà consentire l’accesso a quaranta persone, lasciando fuori ben 140 studenti.

Lettera al ministro dell’Istruzione

La vicenda è finita ora sul tavolo del ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, attraverso una accorata lettera aperta a firma degli stessi studenti di cui l’AGI è in possesso. Le loro parole sono nette e concrete: “Questa decisione ha cancellato, con un colpo di spugna, tutte le aspirazioni, l’intenzione di rimettersi in gioco, la voglia di conseguire un titolo di studio che possa aiutare persone non più giovanissime che avevano deciso di reinserirsi nei circuiti scolastici per una futura collocazione in un mondo del lavoro che non ha spazi per chi è senza un titolo di studio”. È la storia di tanti adulti che provano a ricominciare, come dimostrano le richieste sempre più numerose e pressanti per ottenere autorizzazioni ad avviare percorsi serali. Gli ‘studenti adulti’ di Lamezia Terme si sono rivolti al Ministro e agli Uffici scolastici regionale e provinciale aggiungendo che “il nostro percorso di istruzione in età adulta inizia proprio nel momento in cui si prende coscienza del fatto che non esiste limite di età per apprendere, per approfondire, per rimettersi in gioco. Questa voglia di avvicinarci ad una realtà, quella scolastica che in giovane età non abbiamo considerato con la giusta attenzione, ci sta offrendo una seconda occasione, una possibilità di rivalsa su quella che poteva essere la nostra prospettiva di inserimento nel modo del lavoro senza un diploma”. Gli studenti hanno voluto lanciare un messaggio anche a quanti si sentono nelle loro stesse condizioni: “Vorremmo solo incoraggiare le persone, qualsiasi sia l’età, ad apprendere, a cogliere questa seconda possibilità”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Coronavirus, positivi cinque alunni della scuola materna di Settingiano

Antonio Battaglia

Dole e Catanzaro Calcio ancora insieme

manfredi

Catanzaro, Rizza a Consolante: “Nessuna polemica. La città ha bisogno di altro”

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content