La scuola non sostiene Lorenzo, affetto da Sma: i compagni saltano la lezione per solidarietà

Brunella racconta la storia del figlio, con una malattia rara, e i suoi sforzi per fargli ottenere l’assistenza in una scuola italiana

L’Asl avrebbe detto che è competenza della scuola, la scuola avrebbe sostenuto che spetta invece all’Asl. E il Comune avrebbe parlato di formazione obbligatoria, che sarebbe in capo alla scuola. In questa fase di stallo è rimasto intrappolato Lorenzo, un bambino di 5 anni e mezzo di Pozzuoli, in provincia di Napoli, che è affetto da una patologia rara e rischia di dover lasciare la scuola se gli verrà assegnato qualcuno che possa prendersi cura di lui in classe. Lo notizia un reportage di FanPage.

La protesta degli altri genitori

La protesta degli altri genitori

La storia va avanti da un po’ di mesi, e lo scorso 16 settembre ha portato ad una protesta plateale: per solidarietà con Lorenzo, i genitori dei 180 piccoli alunni del plesso Vittorio Emanuele dell’istituto comprensivo 4 Pergolesi di Arcofelice hanno deciso di non fare entrare in classe i figli. La scuola ha assicurato che si sta già lavorando per la soluzione, ma la madre, nel frattempo, non ha avuto nessuna risposta concreta.

Secondo Brunella, la mamma di Lorenzo, il bimbo è affetto da atrofia muscolare di tipo 1 (Sma), dalla nascita. È una malattia neuromuscolare rara che provoca l’indebolimento di tutti i muscoli, compresi quelli respiratori e della deglutizione. Al mattino, quando si sveglia, deve fare una terapia per rimuovere i muchi che si accumulano nel sonno, per evitare che si blocchino le vie respiratorie e per allenare i polmoni che sono in parte non funzionanti. Da qui, la necessità di personale formato che possa assisterlo anche a scuola, dove la donna, che ha anche un’altra figlia piccola, non può andare tutti i giorni.

La mamma di Lorenzo: “Ogni bambino ha diritto allo studio”

“Penso che ogni bambino abbia diritto allo studio e la legge prevede che ci sia una figura infermieristica che stia a scuola con lui. – racconta la mamma – A settembre ho fatto un incontro con l’Asl e gli insegnanti e ho palesato questa necessità e quella di una sedia a rotelle adatta. All’Asl mi hanno detto che è la scuola a dover provvedere per l’infermiere, a scuola invece mi hanno risposto che è compito dell’Asl. Al Comune, a dicembre, mi hanno detto che c’è una legge che obbliga il dirigente scolastico a formare un insegnante. Ma questa è una situazione molto delicata, se mio figlio avesse un arresto respiratorio e la docente, non esperta, non riuscisse a intervenire, chi si assumerebbe la responsabilità?”, chiede Brunella.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
La giovane, seguita nel percorso dalla professoressa Marinzia Cordiano, ha brillantemente superato le due fasi
Una scelta che ha ricevuto anche il plauso della famiglia Morricone attraverso una lettera firmata da uno dei figli del maestro
I Vigili del Fuoco lo hanno estratto dalle lamiere insieme ad un altro giovane di venti anni che viaggiava con lui
Alessandro Besentini e Francesco Villa si sono distinti per la capacità di intrattenere gli spettatori con alcuni sketches conosciuti in forma ridotta nei loro programmi tv
La Perla del Tirreno si converte alle vacanze di lusso. Lo scorso anno si sono registrate 500mila presenze e, solo dalla tassa di soggiorno, il Comune ha incassato un milione e 150 mila euro
Fine settimana contrassegnato dall'anticiclone africano soprattutto nelle regioni meridionali
"Difendiamo il prodotto italiano" è lo slogan della mobilitazione degli agricoltori
Tra i rifiuti bruciati c'era anche della plastica, i cui fumi inalati rischiano di provocare un avvelenamento da sostanze chimiche tossiche e danni alla trachea, alle vie respiratorie e ai polmoni
È il modello che viene utilizzato per il versamento di tributi, contributi e premi e permette, nella stessa operazione, anche la compensazione di eventuali crediti
In genere avviene dopo 10 anni, ma ci sono anche casi in cui interviene prima: in quali casi succede
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved