“Sei ricolmo di cattiveria e meschinità”, lettera anonima a un prete del Catanzarese

"Tu prete dovresti essere un uomo di dio, sei invece ricolmo di cattiveria e meschinità e il tuo agire ne è la dimostrazione"
“Ieri siamo venuti a conoscenza di una lettera anonima indirizzata al nostro parroco Don Salvatore Gallelli, i cui contenuti sono stati da lui stesso resi pubblici. Rimaniamo sconfortati e ci sentiamo mortificati nel leggere affermazioni colme di cattiveria e sentimenti di odio che colpendo il nostro parroco, uno dei punti di riferimento della nostra comunità, colpiscono ed indignano tutti noi”. E’ quanto scrive l’amministrazione comunale di Vallefiorita, in provincia di Catanzaro, sulla bacheca della propria pagina facebook. “Affermazioni irrispettose, irriguardose che respingiamo e condanniamo con fermezza, soprattutto per la metodologia con cui sono state espresse, metodologia che discredita senza permettere il confronto, uno degli elementi fondanti de vivere civile. A Don Salvatore, che ringraziamo per la sua opera religiosa e per il suo costante impegno sociale, – conclude l’amministrazione comunale – va tutta la nostra solidarietà e vicinanza”.
“Ieri siamo venuti a conoscenza di una lettera anonima indirizzata al nostro parroco Don Salvatore Gallelli, i cui contenuti sono stati da lui stesso resi pubblici. Rimaniamo sconfortati e ci sentiamo mortificati nel leggere affermazioni colme di cattiveria e sentimenti di odio che colpendo il nostro parroco, uno dei punti di riferimento della nostra comunità, colpiscono ed indignano tutti noi”. E’ quanto scrive l’amministrazione comunale di Vallefiorita, in provincia di Catanzaro, sulla bacheca della propria pagina facebook. “Affermazioni irrispettose, irriguardose che respingiamo e condanniamo con fermezza, soprattutto per la metodologia con cui sono state espresse, metodologia che discredita senza permettere il confronto, uno degli elementi fondanti de vivere civile. A Don Salvatore, che ringraziamo per la sua opera religiosa e per il suo costante impegno sociale, – conclude l’amministrazione comunale – va tutta la nostra solidarietà e vicinanza”.

La lettera al parroco di Vallefiorita

“Il parroco – si legge nella lettera anonima recapitata al parroco – può gestire la parrocchia come egli ritiene più giusto, ma non permettiamo a nessuno di insultare chicchessia, denigrare e offendere con parole gravi. Tu prete dovresti essere un uomo di dio, sei invece ricolmo di cattiveria e meschinità e il tuo agire ne è la dimostrazione. Hai distrutto il coro, hai offeso persone, hai diviso la comunità. Ti sei circondato della “migliore Vallefiorita” tutti pronti come tante scimmiette a battere le mani con la riverenza e la sudditanza che tanto ti piace. Hai distrutto la festa di San Rocco elevandola a festicciola rionale, con i tuoi accoliti pronti sul palco ad inscenare spettacolini del nulla unito al niente”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Entrambi sarebbero in attesa di primo giudizio. A vigilare sui cortili della prigione c'era un solo agente
La strada è stata provvisoriamente chiusa al traffico. Il personale di Anas è sul posto per la gestione della viabilità
Un’opera rock di assoluto valore artistico, storico e culturale, che ci riporta al popolo dei Bretti e al mito di Donna Brettia
Edison Malaj è deceduto schiacciato da una lastra di cemento mentre lavorava nel piazzale delle ex cantine sociali di Frascineto
Al "Ceravolo" una partita equilibrata con brivido finale per i giallorossi, che salgono a 39 punti
L’uomo è stato portato in elisoccorso all’Annunziata di Cosenza. La strada fortunatamente non era trafficata al momento dell’incidente
"Si sta cercando di delocalizzare il poco rimasto nel capoluogo che fino a ora rendeva la stessa realtà, e l'area più centrale della Calabria, attrattivi"
Dirigenti dell’Anas, indagati per presunta corruzione, avrebbero fornito informazioni riservate sulle gare. Tutto ruota intorno alla Inver
È il caso di un uomo di 74 anni. Una Tac alla testa ha rivelato la presenza di un ago per l'agopuntura che stava causando un’emorragia cerebrale
Il Coruc, Comitato regionale universitario di coordinamento della Calabria, ha dato l'ok definitivo
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved