Selfie, tasse alle stelle e zero servizi a Vibo. M5S boccia il sindaco Limardo: “Fallimento totale”

I consiglieri comunali Santoro e Pisani parlano di "quattro anni perduti, con i cittadini costretti a pagare i tributi più alti d'Italia senza avere i servizi"

“Riequilibrio del bilancio fallito, fallita la Giunta Limardo. Fallita, è fallita l’opera amministrativa della Giunta di tutti questi anni”. E’ il risultato che scaturisce dalla sentenza della Corte dei Conti Nazionale secondo l’interpretazione del Movimento Cinquestelle. I consiglieri comunali Domenico Santoro e Silvio Pisani parlano di “quattro anni perduti, con i cittadini che sono costretti a pagare i tributi più alti d’Italia senza avere i servizi che offre una città civile ed evoluta, e vedere i piccoli Comuni limitrofi con una economia turisticamente più florida”.

“Falliti persino gli annunci”

“Falliti persino gli annunci”

La maggioranza parla di errore del Ministero ma M5S non ci sta a questa narrazione della “colpa è sempre degli altri” e inchioda il sindaco Maria Limardo alle sue responsabilità: “Occorre politicamente concepire che questa retriva destra oggi governa tutto, Comune, Regione e Governo e nonostante ciò non sa tirar fuori Vibo Valentia dai guai economici. Una destra retriva, come se ci fosse un ordine superiore che proviene dall’esterno, ed inconcludente che si concentra a nominare una piazza a Giorgio Almirante, a fare riunioni di commissioni inconcludenti a causa di una giunta sorda, che lascia la città nel degrado, vedi le buche stradali e i lavori pubblici mai conclusi, ed ancora, le incompiute scala mobile, teatro, sottovia di Vibo Marina e lo sbandierato recupero, con la vendita dei terreni del quartiere Pennello. L’elenco sarebbe lungo, a dicembre contavano ben 52 annunci falliti”.

“Solo propaganda in stile istituto Luce”

Per Santoro e Pisani l’operato della Limardo è fatto principalmente di selfie, annunci vuoti e propaganda senza fine in stile ‘istituto Luce’. “Occorre ribadire – aggiungono – che la città non si merita una amministrazione che tenta di razionalizzare, senza riuscirci, i servizi essenziali, ma di una rappresentanza politica che abbia il coraggio di innovare fortemente il suo ruolo nella Regione, che ci considera negletti perchè non sappiamo emergere, eppure abbiamo dalla nostra la centralità fisica della regione, un porto e un substrato industriale di tutto rispetto, un turismo che ci invidiano nel mondo intero. Questa Amministrazione, graziata dai Governi nazionali, in primis da Conte con 12 mln, ha ricevuto tantissimi soldi (100 ml) che ha disperso in tanti progettini, che magari faranno felici pochi cittadini, per non dire amici degli amici per avere un ritorno elettorale, ma la condannano ad una economia di pura assistenza e all’emigrazione dei nostri giovani”.

LEGGI ANCHE | Dalla padella alla brace, la Corte dei conti inguaia il Comune di Vibo: “Gravi violazioni di legge”. Chi paga?

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Il caso
Il caso a Buccinasco. La nipote di Rocco Papalia, 30 anni di carcere, apre un bar. Il sindaco Pruiti si scontra con i familiari
L'obiettivo è dimostrare che è una terra accogliente, ma l'accoglienza non si ferma alla banchina di un porto
La seconda seduta è andata deserta per la mancanza del numero legale. Ecco cosa sta accadendo dietro le quinte. Lunedì si ritorna però in Aula ma per parlare di stadio
Imprenditori finiti nella spirale dell'usura, costretti a corrispondere agli aguzzini somme di denaro con interessi da capogiro
L'ente camerale guidato da Pietro Falbo ha riconosciuto, per programmazione e format, il significativo impatto economico, storico e culturale
Un'operazione di polizia ambientale e di sicurezza in linea con gli obiettivi della Procura di Vibo Valentia, guidata dal procuratore Falvo
Il prefetto Enrico Ricci, alla presenza del sottosegretario all’Interno Wanda Ferro, ha conferito l'ambito riconoscimento al sindaco Pietrantonio Cristofaro
Scagionato con formula ampia "perché il fatto non sussiste dal giudice di Salerno. Il suo legale: "Dimostrata l'estraneità alle accuse"
“Girifalco ha meritato il titolo di città per la sua storia, il patrimonio artistico e culturale, il ruolo economico, agricolo e i servizi"
Il sindaco Franz Caruso soddisfatto per i risultati ottenuti a Cosenza nella raccolta firme per contrastare il decreto Calderoli
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2023 © All rights reserved